Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Tutte le armi di Joe: la guerra in Ucraina ha scatenato la corsa agli affari nell’industria della difesa

Immagine di copertina
Credit: REUTERS/Maxim Shemetov

Gli aiuti militari occidentali a Kiev alimentano il mercato delle armi in tutto il mondo ma agli ucraini arriveranno pezzi di fabbricazione sovietica mentre l’Europa si prepara al riarmo

LAir Force One tocca terra a Bruxelles con a bordo il presidente americano, che arriva nella capitale dellUe per partecipare al summit straordinario della Nato sullUcraina. Concluso il vertice con gli alleati, Biden prende il volo per Varsavia per arrivare a pochi chilometri dal cuore del conflitto che sta sconvolgendo lEuropa. Ma oltre al super blindato aereo presidenziale, tra gli Usa e lEst-Europa il traffico aereo è intenso: prosegue infatti senza sosta il via vai di cargo carichi di armi e munizioni made in Usa diretti in Ucraina. Per il presidente Zelensky sono ossigeno puro” per le sue truppe, che da più di un mese si oppongono allavanzata dellesercito russo. Per Washington e per la Nato sono il modo più semplice di sostenere Kiev senza intervenire direttamente nel conflitto, proseguendo la guerra per interposta persona. Ma oltre alle armi di produzione americana, dal Pentagono trapela un piano inaspettato per mettere in crisi il controllo russo dei cieli.

La lista dei regali” di Biden a Kiev è lunga e ben fornita, a dominare le forniture militari sono i famosi Javelin, vera spina nel fianco dei russi, missili anticarro per fanteria che possono essere trasportati a spalla e adoperati da soldati con scarsa preparazione. Presenti anche gli Stinger, stessa tipologia darma ma lanciano razzi terra-aria e poi elicotteri, sistemi radar, fucili di precisione e soprattutto oltre 60 milioni di unità di munizioni per armi leggere, lanciagranate e mortai e 25mila set di giubbotti antiproiettile ed elmetti. Oltre agli Usa più di 25 nazioni si sono unite nell’acquisto e nella consegna di armi per sostenere lo sforzo bellico dell’Ucraina. L’Ue ha firmato un pacchetto da 500 milioni di euro, il primo nella storia dellUnione destinato ad armare un Paese terzo. Nemmeno lItalia si chiama fuori, il governo ha infatti approvato il trasferimento di equipaggiamento militare tra cui mortai, missili Stinger, mitragliatrici pesanti Browning, munizioni, razzi anticarro, elmetti e giubbotti antiproiettile…Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Esteri / Chi è Elisabeth Borne, la nuova premier francese nominata da Emmanuel Macron
Esteri / Il Libano verso una nuova era politica: Hezbollah perde la maggioranza
Esteri / Francia, Macron nomina premier Élisabeth Borne
Ti potrebbe interessare
Esteri / Chi è Elisabeth Borne, la nuova premier francese nominata da Emmanuel Macron
Esteri / Il Libano verso una nuova era politica: Hezbollah perde la maggioranza
Esteri / Francia, Macron nomina premier Élisabeth Borne
Esteri / “Stefania”: un soldato ucraino canta il brano che ha vinto l’Eurovision mentre cadono le bombe a Mariupol | VIDEO
Esteri / Russia, la giornalista del blitz anti-Putin denunciata dal marito: “Non vuole farmi vedere i nostri figli”
Esteri / Dopo 32 anni, McDonald’s lascia definitivamente la Russia: in vendita 850 ristoranti
Esteri / Mosca: “Se Svezia e Finlandia nella Nato errore di vasta portata”
Esteri / Nato, al via esercitazioni con Finlandia e Svezia
Esteri / Usa, due sparatorie in poche ore: in California aggressione armata in chiesa e in un mercatino a Houston
Esteri / Guerra in Ucraina, Nato: Erdogan chiude la porta a Svezia e Finlandia. Evacuazione acciaieria, Azov: "Pronti a obbedire all'ordine"