Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 23:37
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”

Immagine di copertina

Cinque adolescenti somale, tra i 16 ed i 17 anni, riportano di aver subito violenze sessuali da parte delle guardie libiche. Stanno supplicando di essere rilasciate dal centro di detenzione di Shara al-Zawiya, uno dei centri gestiti dal Dipartimento per la lotta all’immigrazione illegale della Libia (DCIM), sostenuto dall’Unione europea nella sua lotta ai flussi migratori. Questa la notizia venuta fuori grazie all’inchiesta dell’Associated Press. 

Le violenze all’ordine del giorno

Tra loro una diciassettenne, che riferisce che le violenze sessuali sono continuate, solo che ora sono perpetuate dalle guardie del centro gestito dal governo libico a Tripoli. “Anche se non è la prima volta che subisco attacchi sessuali, questo è più doloroso perché è stato fatto dalle persone che dovrebbero proteggerci”, ha detto la ragazza parlando con Renata Brito, giornalista dell’AP, usando un telefono cellulare contrabbandato.

Devi offrire qualcosa in cambio per andare in bagno, per chiamare la famiglia o per evitare le percosse. È come se fossimo trattenuti dai trafficanti”. I contrabbandieri e i trafficanti in Libia – molti dei quali membri delle milizie – sono stati a lungo noti per aver brutalizzato i migranti. I gruppi per i diritti e le agenzie delle Nazioni Unite, però, dicono che gli abusi avvengono anche nelle strutture ufficiali gestite dal DCIM.

“La violenza sessuale e lo sfruttamento sono diffusi in diversi centri di detenzione (per migranti) in tutto il paese”, ha riferito Tarik Lamloum, un attivista libico che lavora con la Belaady Organization for Human Rights. L’agenzia dell’ONU per i rifugiati ha documentato centinaia di casi di donne violentate durante la detenzione del DCIM o nelle prigioni dei trafficanti. Alcune sono state addirittura ingravidate dalle guardie e hanno partorito durante la detenzione, ha affermato Vincent Cochetel, l’inviato speciale dell’agenzia per il Mediterraneo centrale.

Il racconto dell’orrore

Il racconto è molto crudo. Una notte di aprile, verso mezzanotte, la ragazza ha chiesto a una guardia di lasciarla andare in bagno. Quando ha finito, la guardia l’ha attaccata e le ha afferrato il seno con forza, ha ricordato. “Ero pietrificata e non sapevo cosa fare”, ha detto ad AP. La guardia ha toccato il resto del suo corpo, comprese le parti intime, poi si è slacciato i pantaloni e ha cercato di spogliarla nel tentativo di violentarla. Ha continuato la sua aggressione mentre lei piangeva, lottava e lo supplicava di lasciarla andare.

“Si è fermato solo quando ha finito”, ha detto. “Sono stata fortunata poiché ha finito in fretta”. La guardia le ha poi ordinato di pulire i vestiti che erano stati coperti dal suo liquido seminale, ha ricordato, scoppiando in lacrime. Terrorizzata, è tornata nella sua cella e ha raccontato ad una delle altre ragazze quello che era successo. Ha imparato presto che non era l’unica vittima. Tutte le ragazze, dai 16 ai 18 anni, avevano subito abusi simili o peggiori da parte delle guardie libiche.

Una sedicenne nella stessa cella ha detto all’AP che ha iniziato a subire molestie sessuali pochi giorni dopo essere arrivata al centro. Quando ha supplicato una guardia di chiamare la sua famiglia, lui le ha dato un telefono e l’ha fatta uscire dalla cella per chiamare sua madre. Una volta che lei ha riattaccato, lui si è messo dietro di lei e le ha afferrato i seni.Lei ha rimosso le sue mani e ha iniziato a piangere. La guardia si è fermata solo dopo aver capito che altri impiegati erano al centro. “Ogni giorno fanno questo. Se resisti, sarai picchiata o privata di tutto”.

Le conseguenze

Almeno due delle ragazze hanno tentato di uccidersi alla fine di maggio in seguito a presunti pestaggi e tentativi di stupro, secondo il gruppo per i diritti locali Libyan Crime Watch e le agenzie delle Nazioni Unite. Una di loro, una quindicenne, è andata in ospedale il 28 maggio ed ha ricevuto le cure di Medici Senza Frontiere (MSF) solo per essere riportata al centro di detenzione.

Maya Abu Ata, una portavoce di MSF Libia, ha confermato che il personale del gruppo ha curato le due nella sua clinica. I team di Medici senza frontiere “hanno fatto pressioni su diversi interlocutori per il loro rilascio dalla detenzione ma questi tentativi non hanno avuto successo”, ha riportato la ragazza. Il governo libico, al momento, non ha risposto alle richieste di commento sulle accuse rivolte alle guardie libiche.

I numeri

Il caso delle adolescenti di Shara al-Zawiya ripropone le domande sul ruolo dell’UE nel ciclo di violenza che intrappola migranti e richiedenti asilo in Libia. L’UE addestra, equipaggia e sostiene le guardie libiche per intercettare le persone che cercano di attraversare il Mediterraneo centrale verso l’Europa. Almeno 677 persone sono morte o scomparse prendendo questa rotta su barche inaffondabili quest’anno. Dall’inizio dell’anno la guardia costiera libica ha intercettato 13.000 uomini, donne e bambini, un numero record. E la maggior parte si trova ora in centri gestiti dal DCIM.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"