Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Giordania ha un problema con gli animali maltrattati

Immagine di copertina
Il sito archeologico di Petra, considerata una delle sette meraviglie del mondo moderno. Credit: Menahem Kahana/ Afp

Nel sito archeologico di Petra, cammelli, asini e cavalli usati per portare in giro i turisti, vengono maltrattati e nutriti con quantità di cibo ridotte. Ora la Peta ha lanciato una campagna internazionale

Come succede spesso nelle città o nei siti turistici famosi, anche a Petra, in Giordania, spesso vengono impiegati animali per portare in giro i turisti sotto il sole e a temperature particolarmente alte, senza tenerli all’ombra e senza acqua.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Che siano cavalli, asini o cammelli, si tratta di un’abitudine diffusa, che mette a rischio gli animali.

Il gruppo per i diritti degli animali Peta ha lanciato una campagna internazionale per cercare di porre fine ai maltrattamenti degli animali che si verificano nel noto sito turistico e archeologico giordano.

Diversi gruppi stanno cercando di lavorare con i proprietari di questi animali nel tentativo di migliorarne le condizioni.

Alcuni asini ad esempio vengono impiegati per trasportare i turisti su per i 900 gradini ripidi del “monastero”, uno dei monumenti più importanti del sito archeologico.

Il sito archeologico di Petra è uno dei più unici e noti in tutto il mondo. Il suo più celebre edificio, il Kasneh, costruito dall’antico popolo dei Nabatei tra il 100 avanti Cristo e il 200 dopo Cristo, scavato nelle rocce del luogo rappresenta per gli archeologi una delle meraviglie del mondo moderno.

Petra è una delle località turistiche più importanti della Giordania, e ci sono in tutto 1.300 animali che lavorano nell’area del sito archeologico e le cui condizioni destano alcune preoccupazioni.

Essi vengono infatti usati per portare i turisti in giro per il vasto sito, talvolta trainando anche carri e carrozze, venendo spesso scudisciati e nutriti con quantità di cibo ridotte.

Lo scorso anno alcuni video e fotografie avevano denunciato le condizioni in cui vengono tenuti questi animali, mostrando come vengano spesso tenuti legati con corde e catene.

La Peta ha chiesto al governo giordano di intervenire e di sostituire gli animali con veicoli motorizzati.

In Giordania però vi è la preoccupazione che una campagna del genere possa allontanare i turisti ed essere controproducente, danneggiando una fonte di reddito importante.

Vi è il timore che possa avere effetti negativi sulla comunità beduina che possiede gli animali, il che potrebbe avere un effetto ancora più negativo sul loro benessere.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game