Me
HomeEsteri

Gilet gialli, scontri a Parigi: bruciata una macchina e presa a sassate una banca

A Place d’Italie centinaia di manifestanti hanno bloccato la circolazione dando fuoco alle barricate. Gli agenti sono intervenuti usando gas lacrimogeni per disperdere i dimostranti

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 16 Nov. 2019 alle 16:19
Immagine di copertina
Credit: Twitter

Gilet gialli a Parigi: bruciata una macchina e presa a sassate una banca

Disordini a Parigi in connessione con le manifestazioni dei Gilet gialli, tornati oggi in piazza nel primo anniversario del loro movimento. La prefettura della capitale francese ha revocato l’autorizzazione alla manifestazione a Place d’Italie, dopo le violenze avvenute sul posto.

L’inizio della manifestazione era previsto alle 14, con direzione Gare du Nord. “Alla luce degli abusi e delle violenze commesse, il prefetto di polizia ha chiesto la cancellazione della manifestazione”, secondo un tweet del quartier generale della polizia di Parigi.

Il prefetto di Parigi, Didier Lallement, ha lanciato un appello per invitare “tutti i manifestanti che sono in buona fede e si trovano sulla place d’Italie, a lasciare immediatamente la piazza utilizzando i corridoi di sicurezza predisposti dalla polizia”. Il prefetto, dopo gli scontri e i roghi, ha precisato che la polizia “agirà in modo molto deciso, arrestando tutti quelli che lanciano sassi o sono a volto coperto”.

Violenze in strada

Manifestanti sono stati trovati vicino agli Champs-Elysée e all’Arco di Trionfo, zone proibite. Barricate e transenne in fiamme a Place d’Italie, dove sono scoppiati scontri con la polizia. Le vetrine della Banca Hsbc sono state frantumate. Non lontano, delle pietre sono state lanciate contro le porte a vetri di un centro commerciale che era chiuso.

Secondo quanto riferito dai media francesi, intorno a Place d’Italie sono stati dati alle fiamme una macchina, alcuni motorini  e la polizia che è ricorsa agli idranti per disperdere i manifestanti violenti.  Sono stati dati anche alle fiamme dei cassonetti dell’immondizia e divelte pensiline alle fermate degli autobus.

Strade occupate

In precedenza un centinaio di manifestanti aveva invaso brevemente la tangenziale della capitale poco dopo le 10 all’altezza della Porte de Champerret. Gli agenti sono intervenuti rapidamente facendo uso di gas lacrimogeni per cercare di disperdere la folla.

Intanto, è salito a 61 il numero delle persone fermate a Parigi in relazioni alle violenze ed ai disordini nella capitale francese in relazione all’Atto 53 della protesta dei Gilet gialli.

Un anno di proteste

Nel loro primo anniversario i Gilet gialli avevano annunciato 270 diversi tipi di manifestazioni convocate in tutta la Francia, per questo fine settimana. Le dimostrazioni di oggi, il sabato è il tradizionale giorno di protesta per i Gilet gialli, e quelle di domani, la data esatta dell’anniversario, volevano essere un messaggio diretto all’Eliseo che il movimento rimane una forza con cui ci si deve confrontare e anche occasione per un rilancio.

Negli ultimi mesi, il numero dei partecipanti alle manifestazioni e il livello di violenza erano nettamente diminuiti. Il movimento ha avuto il suo avvio il 17 novembre del 2018, con una protesta che ha portato in strada a Parigi quasi 300 mila persone.

Leggi anche: 

Chi sono e cosa vogliono i gilet gialli francesi