Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Francia, effetto Macron: record prenotazioni di vaccini dopo nuove restrizioni. Renzi: “Impariamo”. Meloni: “Agghiacciante”

Immagine di copertina

Francia, effetto Macron: record prenotazioni di vaccini dopo nuove restrizioni. Renzi: “Impariamo”. Meloni: “Agghiacciante”

Record di prenotazioni in Francia per ricevere il vaccino contro Covid-19 dopo l’annuncio del presidente Emmanuel Macron di nuove restrizioni per chi non avrà il pass sanitario, rilasciato ai vaccinati.

In un discorso trasmesso ieri dalla televisione, Macron ha dichiarato che per fermare la diffusione della variante Delta del nuovo coronavirus il governo intende arrivare a vaccinare l’intera popolazione del paese, annunciando anche l’obbligo di vaccinazione per tutto il personale sanitario.

Il presidente francese ha anche dichiarato che da agosto per accedere a bar, ristoranti, centri commerciali e per i mezzi di trasporto sarà necessario esibire un “pass sanitario”, un certificato fisico o digitale che rilasciato a chi si è sottoposto a un tampone, è recentemente guarito da Covid-19 o è stato completamente vaccinato. Il pass sarà necessario già dal 21 luglio per poter andare al cinema o a teatro.

Da ieri sera quasi 1,3 milioni di persone hanno prenotato un appuntamento solo su Doctolib, la principale piattaforma francese per prenotare le vaccinazioni. “Una mobilizzazione da record”, l’ha definita Stanislas Niox-Chateau, fondatore e amminstratore delegato della piattaforma.

A preoccupare il governo francese e quelli di altri paesi europei è la diffusione della variante Delta, del 60 percento più efficace nel trasmettersi rispetto alla variante Alfa, finora dominante. Venerdì la Haute Autorité de Santé (Has) ha dichiarato che la variante Delta rappresenta il 43 percento dei casi positivi sequenziati dal 28 giugno al 4 luglio, rispetto al 21 percento rilevato nella settimana precedente.

Per contrastare una potenziale quarta ondata, le autorità francesi stanno tentando di accelerare le vaccinazioni, che nelle ultime settimane hanno subito un rallentamento. Il tasso di persone che hanno ricevuto una prima dose è passato da un picco di oltre 400.000 a maggio a meno di 200.000 al giorno attualmente, anche se la media generale, che comprende anche i richiami, è di 600.000 vaccini al giorno, al di sopra della media Ue.

In Francia, il 53 percento della popolazione ha ricevuto una sola dose di vaccino contro Covid-19, mentre il 40 percento della popolazione ha ricevuto due dosi. In Italia invece il 45,01 percento della popolazione di età superiore ai 12 anni ha completato il ciclo vaccinale.

Dopo l’annuncio di Macron, il ministro della Salute Olivier Véran ha confermato che dal 15 settembre medici e infermieri che sceglieranno di non vaccinarsi non riceveranno più lo stipendio e non gli sarà consentito lavorare. Véran ha anche annunciato per settembre l’inizio di una campagna per la vaccinazione degli studenti dalla scuola primaria a quella superiore. Per spingere le persone a vaccinarsi, il presidente francese ha anche annunciato che i tamponi molecolari non saranno più offerti gratuitamente senza una ricetta medica. “Non vogliamo fare un nuovo lockdown”, ha detto Véran, ricordando che i positivi al virus in Francia stanno raddoppiando ogni 5 giorni.

Ieri anche la Grecia ha annunciato la vaccinazione obbligatoria del personale delle case di riposo e che assiste gli anziani, la categoria più vulnerabile dal 16 agosto, allargando l’obbligo a tutto il personale sanitario dal 1° settembre.

Diverso l’orientamento della cancelliera tedesca Angela Merkel, secondo cui la Germania “non ha intenzione di perseguire la strada dell’obbligo vaccinale”. Una scelta del genere “scuoterebbe il senso di fiducia dei cittadini: invece il governo continuerà la strada di fare campagna a favore della vaccinazione”, ha detto oggi Merkel.

Il Regno Unito, il paese europeo in cui la variante Delta si è diffusa maggiormente finora, invece conferma la fine delle restrizioni per il 19 luglio, incluso l’obbligo per le mascherine anche al chiuso. L’aumento dei contagi nelle scorse ore ha spinto il primo ministro Boris Johnson a ricordare che “la pandemia non è finita”, invitando la popolazione a vaccinarsi.

In Italia le misure annunciate da Macron sono state accolte positivamente dal ministro della Salute Roberto Speranza. “La Francia sull’obbligo della vaccinazione del personale sanitario ha seguito il nostro approccio”, ha detto il leader di Liberi e uguali, ricordando che “siamo stati il primo paese europeo” a introdurre l’obbligo di vaccinazione del personale sanitario con il decreto approvato lo scorso 1° aprile. In Italia i membri del personale sanitario che scelgono di non vaccinarsi possano essere esentati dai ruoli che prevedono contatti interpersonali o operazioni a rischio di contagio, rischiando però la sospensione della retribuzione fino al 31 dicembre nel caso non sia possibile trovare impieghi alternativi.

Il ricorso al “passaporto sanitario” è stato invece duramente criticato da Giorgia Meloni, alla guida del principale partito di opposizione. “L’idea di utilizzare il green pass per poter partecipare alla vita sociale è raggelante, è l’ultimo passo verso la realizzazione di una società orwelliana”, ha detto su Twitter la presidente di Fratelli d’Italia, definendola una “follia anticostituzionale”.

Nella maggioranza, Matteo Renzi ha difeso la scelta di Macron senza sbilanciarsi. “Il mio invito è quello di seguire il presidente Macron, che ieri ha fatto un discorso potente. Personalmente, lascio liberi gli amici di Italia Viva, sarei per l’obbligo vaccinale per il personale sanitario e quello della scuola”.

“Concordo con Macron sul fatto che la vaccinazione è una delle chiavi per il ritorno alla normalità” ha detto il commissario straordinario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo. “Per convincere gli ultimi irriducibili utilizzare il green pass per questo tipo di eventi potrebbe essere una buona soluzione. Potrebbe essere anche una spinta per la vaccinazione’’, ha aggiunto ieri sera alla trasmissione Tg2 Post su RaiDue.

“Guardiamo e impariamo”, ha invece commentato l’infettivologo Matteo Bassetti, che in un post su Facebook giudica inadeguate le decisioni prese finora dalle autorità italiane. “Nel calcio siamo campioni d’Europa e nella gestione della pandemia e del green-pass? Non ci saremmo nemmeno qualificati….”

“Una bella idea” anche secondo il virologo Fabrizio Pregliasco. Secondo il professore dell’Università Statale di Milano, legare le principali attività a una certificazione sanitaria “è un modo per riuscire a contemperare una convivenza civile col virus”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid