Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

L’estrema destra israeliana esulta per la vittoria di Trump

Immagine di copertina

I deputati della destra del Likud e di Casa Ebraica hanno chiesto al governo di dare nuovo slancio alla costruzione di insediamenti nei territori palestinesi occupati

I deputati del parlamento israeliano appartenenti a Likud, il partito di destra, e a Casa Ebraica, di estrema destra, che si trovano entrambi al governo, hanno esultato per l’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti, definendola l’inizio di “una nuova era” per il movimento dei coloni israeliani.

Le pressioni dell’opposizione per lo smantellamento degli insediamenti illegali, secondo la destra, con il cambio al vertice dell’amministrazione statunitense verranno meno e lasceranno spazio al governo per avviare nuovi e ambiziosi progetti di insediamento nei territori occupati della Cisgiordania.

“Possiamo aspettarci un futuro migliore per la Terra di Israele con Trump presidente”, ha detto Miki Zohar, di Likud, criticando le azioni unilaterali intraprese da Obama nel periodo finale del suo incarico. Un collega di Zohar, Oren Hazan, è tornato a fare pressioni sul primo ministro Benjamin Netanyahu perché ignori le opposizioni e avvii nuovamente la costruzione di edifici nei territori occupati.

— Leggi anche: COSA È SUCCESSO NEL MONDO DOPO CHE DONALD TRUMP È DIVENTATO PRESIDENTE DEGLI USA

All’indomani dell’elezione di Trump il ministro dell’Istruzione israeliano Naftali Bennett, leader del partito di destra che appoggia la costruzione di insediamenti israeliani e si oppone allo stato palestinese, ha detto che “la vittoria di Trump è un’opportunità per Israele di ritrattare immediatamente l’idea di uno stato palestinese nel centro del paese”. “L’era dello Stato palestinese è finita”, ha aggiunto Bennett. 

Durante la campagna elettorale, sia Clinton che Trump hanno dichiarato che – se eletti – avrebbero continuato sulla stessa linea dell’attuale politica degli Stati Uniti in merito al conflitto israelo-palestinese, che è quella di una soluzione a due stati. Tuttavia, Trump si è guadagnato il supporto di Israele con la promessa di spostare l’ambasciata degli Stati Uniti da Tel Aviv a Gerusalemme, riconoscendo l’antica città come capitale di Israele.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini