Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Assenti da lavoro alle 7.30, l’emiro di Dubai licenzia 9 dirigenti pubblici

Immagine di copertina

Mohammed bin Rashid al-Maktoum ha fatto una visita a sorpresa in alcuni uffici governativi, scoprendo che molti dirigenti non erano in ufficio per l'ora stabilita

L’emiro di Dubai, Mohammed bin Rashid al-Maktoum ha licenziato nove funzionari pubblici di alto livello, per non aver rispettato l’orario ufficiale di lavoro. 

La visita a sorpresa in alcuni uffici governativi effettuata domenica 28 agosto (giorno lavorativo negli Emirati Arabi Uniti) ha spinto l’emiro a licenziare in tronco un gruppo di dirigenti – tra cui direttori e i loro assistenti, impiegati nel dipartimento di affari legali e di pianificazione del comune di Dubai – perché alle 7.30 del mattino non erano alla propria scrivania. Lo ha reso noto l’agenzia di stampa emiratina Wam. 

Il video dell’ispezione a sorpresa di al-Maktoum è stato poi pubblicato su Instagram. Il breve filmato mostra l’emiro in giro per alcuni degli uffici vuoti. L’intento di mostrare il video pubblicamente è quello di lanciare un messaggio chiaro e forte: “Non si possono criticare i dipendenti, quando chi dovrebbe controllarli non è al suo posto”, ha fatto sapere il portavoce dell’emiro in seguito alla decisione. 

Lo sceicco dal canto suo ha ringraziato i nove funzionari per il lavoro svolto fino ad oggi, per aver contribuito a sviluppare la città di Dubai, ma ha spiegato che “il paese ha bisogno di nuovi e giovani funzionari” capaci di fornire servizi di alta qualità ai propri concittadini. 

“Chi copre ruoli di primo piano deve sottostare alle regole”, ha poi aggiunto al-Maktoum. 

Dopo la visita negli uffici governativi di Dubai, lo sceicco ha poi deciso di mettere in atto la medesima tattica anche per l’aeroporto internazionale del paese, constatando che tutti i dipendenti erano sul proprio posto di lavoro. 

Se da un lato, il numero di assenze dall’ufficio nelle prime ore del mattino ha influenzato la decisione di al-Maktoum, dall’altra, il rinnovamento della struttura dirigenziale di Dubai è parte di un più vasto progetto volto a snellire il numero di impiegati nel settore pubblico e semplificare la burocrazia, secondo quanto riportato da Reuters. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte