Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Elezioni Svezia 2018: rischio ingovernabilità

Immagine di copertina
Il leader del Partito di estrema destra Democratici svedesi, Jimmie Akesson. Credit: Getty Images

Il centrosinistra è in vantaggio sul centrodestra, ma non ha la maggioranza. L'estrema destra cresce ma si ferma a 17,6 per cento

Elezioni Svezia 2018 | Il risultato, i partiti, le coalizioni e i temi principali

ELEZIONI SVEZIA 2018 – Domenica 9 settembre 7,3 milioni di svedesi sono stati chiamati alle urne per le elezioni legislative.

Il Partito socialdemocratico si è confermato prima forza politica del Paese, ma ha scontato un netto calo dei consensi rispetto alle ultime elezioni.

La coalizione di centrosinistra è in leggero vantaggio rispetto a quella di centrodestra, ma non ha la maggioranza dei seggi in Parlamento.

Il partito di estrema destra Democratici svedesi ha ottenuto il 17,6 per cento dei voti, registrando un forte balzo in avanti rispetto al 2014, ma più contenuto rispetto alle attese della vigilia (qui, nel dettaglio, i risultati  delle elezioni in Svezia).

Il leader dei Democratici svedesi, Jimmie Akesson, tuttavia, sottolinea che il partito avrà “un peso enorme” sul futuro politico del Paese.

“Abbiamo aumentato i nostri seggi in parlamento e faremo in modo di aver un enorme peso su ciò che accadrà in Svezia nelle prossime settimane, mesi ed anni”.

Le elezioni

I media locali hanno riportato di diversi episodi di intimidazioni e aggressioni ai danni di elettori e giornalisti da parte di membri dei movimenti neo-nazisti.

Il quotidiano Svenska Dagbladet ha riferito che membri del Movimento di resistenza nordica hanno fatto irruzione in diversi seggi e hanno cercato di fotografare elettori, schede elettorali e giornalisti i presenti.

I blitz, segnalati nelle località di Boden, Ludvika e Kungalv, hanno causato forte apprensione tra gli elettori.

Il voto sancirà il partito che prenderà il posto dell’attuale coalizione formata da Socialdemocratici e Verdi e guidata da Stefan Löfven, in carica dal 2014.

Secondo gli ultimi sondaggi, il partito di centrosinistra del premier continuerà ad essere il più votato della Svezia, come avviene ormai da più di un secolo.

Ma tanto i partiti di centrosinistra quanto quelli del centrodestra si troveranno ad affrontare un terzo contendente alle prossime elezioni.

Il partito Democratici svedesi di estrema destra infatti ha guadagnato consensi e molto probabilmente avrà una grande peso nella formazione del prossimo governo.

Secondo alcuni sondaggi diffusi all’inizio dell’estate, i Democratici svedesi erano al 25 per cento, diventando il secondo partito dopo i Socialdemocratici.

Il partito nazionalista, anti-immigrazione e anti-Ue è monitorato dall’Unione europea, soprattutto dopo la vittoria in Italia di Lega e 5 Stelle.

Elezioni Svezia 2018 | Il sistema elettorale

I 349 deputati del Parlamento (Riksdag) in Svezia sono eletti con un sistema proporzionale: 310 si candidano nei 29 collegi elettorali presenti nel paese, ognuno dei quali presenta un numero fisso di seggi a seconda della popolazione.

I rimanenti 39 sono divisi in modo che la rappresentanza parlamentare di ogni partito corrisponda più o meno al numero di voti ottenuti a livello nazionale.

Per entrare in Parlamento un partito deve raggiungere il 4 per cento di voti  a livello nazionale, o il 12 per cento in una circoscrizione.

Elezioni Svezia 2018 | I temi principali

Al centro delle elezioni Svezia 2018 vi è sicuramente il tema dell’immigrazione.

La Svezia ha accolto 163mila migranti, superando il numero di richiedenti asilo presenti negli altri Stati europei in proporzione alla popolazione.

Il partito al governo ha reso più stringenti le leggi in materia di richiesta di asilo, ma i Democratici svedesi di estrema destra continuano ad affermare che le politiche di accoglienza in vigore sono una minaccia per il welfare della nazione.

Altro tema al centro della campagna elettorale è l’aumento del crimine in Svezia. Ad essere maggiormente interessati sono soprattutto i quartieri più poveri in cui vi è una più alta presenza di immigrati.

Per quanto riguarda invece la possibilità di indire un referendum sull’uscita dall’Europa, la maggioranza dei cittadini svedesi non è favorevole ad una simile prospettiva.

Ultimo argomento in discussione riguarda invece il cambiamento climatico, soprattutto dopo le alte temperature registrate nel corso dell’estate.

Elezioni Svezia 2018 | I partiti e i sondaggi

A sinistra troviamo il partito Socialdemocratico. Il loro consenso ha subito un drastico crollo, come  accaduto a molti altri partiti di sinistra dell’Europa settentrionale.

I Socialdemocratici secondo gli ultimi sondaggi sarebbero intorno al 25 per cento.

Al contrario, il più radicale della sinistra, rimasto fuori dalla coalizione di governo, è salito a circa il 10 per cento rispetto al 5,7 per cento del 2014.

I Verdi invece continuano ad attestarsi intorno al 5 per cento.

Secondo gli analisti, quindi, se i partiti di sinistra si unissero potrebbe sperare di raggiungere il 40 per cento dei voti, superando così il fronte conservatore.

I moderati infatti si attestano al 18 per cento, mentre i Liberali sono fermi al 7 per cento.

Nessun partito al momento si è detto disposto a collaborare con i Democratici svedesi, che si attestano al secondo posto nei sondaggi.

In ogni caso, i partiti vincenti avranno bisogno del sostegno di una parte dell’opposizione per governare.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan