Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Come sono andate le elezioni regionali in Germania

Immagine di copertina

Avanza la destra populista e anti-immigrazione. Angela Merkel perde due stati federali tedeschi su tre, bocciata per la sua politica d'accoglienza dei rifugiati

Gli elettori tedeschi puniscono la cancelliera Angela Merkel e la sua politica di accoglienza dei rifugiati nelle elezioni per rinnovare i parlamenti locali dei lander (gli stati federali tedeschi) di Baden-Wuerttemberg, Renania-Palatinato e Sassonia-Anhalt, che si sono svolte domenica 13 marzo 2016. 

Il partito di destra populista e anti-immigrazione Alternative fuer Deutschland (Afd) supera ovunque la soglia del 10 per cento, necessaria per ottenere i seggi per i suoi rappresentanti.

In Sassonia-Anhalt ha ottenuto il risultato migliore ottenendo il 21,5 per cento dei voti, anche sei qui i cristiano-democratici della cancelliera restano il primo partito con il 30,5 per cento delle preferenze. 

Pesante sconfitta dell’Unione cristiano-democratica (Cdu) di Merkel negli altri lander. Nella Renania-Palatinato, sarebbe in vantaggio i social-democratici dell’Spd con il 37,5 per cento. In Baden-Wuerttemberg, stando agli exit poll, vincerebbe il partito dei verdi del presidente uscente Winfried Kretschmann, con il 32,5 per centro. 

Pesa particolarmente la sconfitta in Baden-Wuerttemberg, per mezzo secolo fortezza dei cristiano-democratici e adesso passata al partito dei verdi e social-democratici. 

Nell’ultimo anno la “politica delle porte aperte” ha portato in Germania oltre un milione di rifugiati, ma a beneficiarne politicamente è stato soprattutto l’Afd che ha incentrato la sua campagna contro l’accoglienza dei migranti. 

I partiti della coalizione di governo, il Cdu e l’Spd, mantengono ovunque la maggioranza, ma molti elettori conservatori in disaccordo con la politica centrista governativa hanno scelto di votare la destra di Afd che adesso è rappresentato in cinque dei 16 lander tedeschi. 

Il vice cancelliere Sigmar Gabriel tuttavia ha precisato che non ci sarà alcun cambiamento nella politica del governo nei confronti dei rifugiati. Merkel ha commentato dicendo che è senza dubbio un giorno difficile per il suo partito, ma la questione dei migranti ha bisogno di una soluzione europea condivisa.

È uno dei momenti più difficili nella vita politica di Angela Merkel. L’accordo con la Turchia per bloccare l’accesso all’Unione europea dei migranti ha irritato molti leader europei e il deludente risultato alle regionali potrebbe indebolire le posizioni politiche della cancelliera.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I soldati ucraini lasciano l’acciaieria di Azovstal dopo settimane di assedio | VIDEO
Esteri / Amber Heard: “Johnny Depp mi ha quasi ucciso sull’Orient Express”
Esteri / Gran Bretagna, visto speciale agli studenti laureati in Università meritevoli: atenei italiani esclusi dalla lista
Ti potrebbe interessare
Esteri / I soldati ucraini lasciano l’acciaieria di Azovstal dopo settimane di assedio | VIDEO
Esteri / Amber Heard: “Johnny Depp mi ha quasi ucciso sull’Orient Express”
Esteri / Gran Bretagna, visto speciale agli studenti laureati in Università meritevoli: atenei italiani esclusi dalla lista
Esteri / Il filosofo Galimberti: "Non bisogna umiliare Putin? Non si tratta con i dittatori"
Esteri / Musk: "Compro Twitter solo se dimostrano che i profili fake sono meno del 5%"
Esteri / Aborto Usa & getta: ecco l’eredità oscurantista di Trump
Esteri / Guerra in Ucraina, sospesi i negoziati. Svezia e Finlandia domani invieranno candidatura alla Nato
Esteri / Chi è Elisabeth Borne, la nuova premier francese nominata da Emmanuel Macron
Esteri / Il Libano verso una nuova era politica: Hezbollah perde la maggioranza
Esteri / Francia, Macron nomina premier Élisabeth Borne