Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:42
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Myanmar in festa, il partito di Aung San Suu Kyi vicino alla vittoria

Immagine di copertina

Nonostante i risultati ufficiali non arriveranno prima di martedì 10 novembre, il Myanmar è in festa per aver votato liberamente per la prima volta in 25 anni

I sostenitori della Lega nazionale per la democrazia (Ndl) – il partito del premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi – festeggiano per la strada dopo la chiusura delle urne in Myanmar. I risultati ufficiali del primo voto democratico del Paese in 25 anni non arriveranno, però, prima di martedì 10 novembre.

Secondo i sondaggi, il partito favorito è proprio il Ndl. San Suu Kyi, qualche giorno prima delle votazioni di domenica 8 novembre, aveva dichiarato che, in caso di vittoria del suo partito, sarebbe stata lei a diventare il presidente del Paese. 

Non è ancora chiaro se questo sarà possibile, però, visto che la costituzione glielo vieta. San Suu Kyi è infatti vedova di un cittadino britannico e madre di ragazzi che possiedono il passaporto del Regno Unito e proprio per questo non potrebbe ricoprire il ruolo di presidente del Myanmar. 

“Tutte le persone a cui ho parlato dalle sei di questa mattina mi hanno detto che si sono sentite libere di esprimere in sicurezza la propria preferenza elettorale” ha dichiarato durante un’intervista all’agenzia Reuters uno degli osservatori internazionali incaricato di monitorare il corretto svolgimento delle operazioni di voto. 

Gli agenti nazionali e internazionali al lavoro nella giornata dell’8 novembre sono stati più di 40mila, distribuiti in tutto il Paese. Secondo il capo degli osservatori inviati dall’Unione europea, le votazioni si sarebbero svolte in maniera “abbastanza affidabile”. 

Per avere più informazioni sul voto di domenica 8 novembre leggi anche: Si chiudono le urne in Myanmar — 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia, sparatoria all’università di Perm: gli studenti scappano dalle finestre. 8 morti
Esteri / Vince il partito di Putin. Timori su possibili brogli
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”