Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Per la prima volta dopo trent’anni il Burkina Faso eleggerà un nuovo presidente

Immagine di copertina

Il 29 novembre 2015 i cittadini del Burkina Faso potranno scegliere, per la prima volta dal 1987, un nuovo capo di stato

Il 29 novembre gli abitanti del Burkina Faso sceglieranno un nuovo presidente in libere elezioni per la prima volta dopo trent’anni.

L’ex presidente Blaise Compaorè, in carica dal 1987, era stato rovesciato nel 2014 in seguito a un’ondata di proteste che aveva attraversato il Paese.

Le elezioni presidenziali erano inizialmente state programmate per l’11 ottobre del 2015, ma un tentativo di colpo di stato da parte della disciolta guardia presidenziale ha costretto il governo provvisorio a posticipare la data delle elezioni.

Quando l’ex capo di stato Compaorè venne destituito, fu nominato un governo ad interim con a capo Yacouba Isaac Zida.

“Saranno senza dubbio le elezioni dall’esito più incerto della storia del Paese dalla sua indipendenza”, ha riferito a Reuters Cynthia Ohayon, analista di temi relativi all’Africa occidentale per conto dell’International crisis group. “Non siamo in grado di dire chi vincerà, né chi sia attualmente in testa”, ha aggiunto.

Sono in tutto 14 i candidati presidente in queste elezioni. Non esistono sondaggi d’opinione accurati a tal punto da rivelare chi sia attualmente in testa.

Tuttavia, secondo gli analisti, i candidati con più probabilità di vittoria sarebbero l’ex primo ministro Roch Marc Kabore e l’uomo d’affari Zephirin Diabre.

Kabore è uno dei fondatori del Movimento del popolo per il progresso (Mpp), che raccoglie diverse persone un tempo vicine a Compaorè, ma che hanno lasciato l’ex presidente nei mesi precedenti alle sue dimissioni.

Diabre, invece, guida l’Unione per il progresso e il cambiamento (Upc), il principale gruppo d’opposizione sotto Compaorè.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio