L’emozionante reazione dell’elefante tornato in libertà che ascolta Beethoven

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 30 Gen. 2020 alle 16:21
434

La reazione dell’elefante tornato in libertà che ascolta Beethoven

Lui ha 59 anni, l’altro 61. Sono praticamente coetanei. Il primo è un pianista britannico di successo, il secondo è un elefante che ha trascorso la sua vita in cattività trascinando alberi nella foresta, perdendo l’occhio destro e una zanna.

Dopo anni sotto schiavitù questo magnifico elefante è stato salvato e portato nella riserva di Elephants World, in Thailandia, per trascorrere il resto dei suoi giorni rilassandosi pacificamente in libertà.

Il suo nome è Mongkol.

Paul Barton, 59enne pianista britannico, ha scoperto che l’elefante è molto sensibile e ama la musica. L’uomo gli suona alcune melodie di tanto in tanto, sia di giorno sia di notte, come questa sonata di Beethoven “Al chiaro di luna”. E la reazione di Mongkol è straordinaria.

Dagli studi sul comportamento degli elefanti, i ricercatori hanno osservato che questi pachidermi hanno sviluppato personalità complesse con sfumature molto simili alle nostre. I fattori della loro personalità sono ter: socialità, attenzione e aggressività.

Lo studio pubblicato sulla rivista Royal Society Open Science a gennaio 2018 dal Dipartimento di Biologia presso l’Università di Turku in Finlandia ha osservato il comportamento di oltre 250 esemplari di elefante asiatico tra il 2014 e il 2017 in Birmania.

Gli studiosi hanno preso in esame elefanti impegnati nell’industria del legname perché hanno uno strettissimo rapporto con i loro “mahaut” (conducenti di elefanti). Proprio a questi ultimi è stato sottoposto un questionario sul comportamento del proprio animale.

I risultati hanno dimostrato come gli elefanti manifestano distinti tratti della personalità: “Abbiamo incontrato elefanti chiaramente più curiosi e coraggiosi di altri, come quelli che provavano a rubare i cocomeri considerati come ricompense”, dice Seltmann, lo studioso che ha condotto la ricerca.

434
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.