Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

È morto Luis Bacalov, il celebre compositore del film “Il Postino”

Immagine di copertina
Luis Bacalov, compositore

All’età di 84 si è spento a Roma il celebre compositore argentino Luis Enrique Bacalov, premio Oscar nel 1996 per la colonna sonora de “Il postino”, l’ultima fatica cinematografica di Massimo Troisi.

L’artista era malato da tempo, è morto il pomeriggio del 15 novembre 2017 all’ospedale San Filippo Neri di Roma. A dare la notizia è stato il figlio, Daniel Bacalov. 

Nato a San Martín, in Argentina, il 30 agosto 1933, il pianista, compositore, direttore d’orchestra e arrangiatore argentino, ma naturalizzato italiano, negli ultimi mesi si era chiuso in sè, vittima di una depressione profonda

Nella sua lunga carriera di autore di colonne sonore, ha firmato le musiche di “La città delle donne” di Federico Fellini, “A ciascuno il suo” di Elio Petri, “Una storia d’amore” di Damiano Damiani e di molti spaghetti-western, come “Django” di Sergio Corbucci.

Compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra, Bacalov era nato in Argentina ma dal 1959 viveva in Italia. Nella sua lunga carriera di autore di colonne sonore, ha firmato le musiche di La città delle donne di Federico Fellini, A ciascuno il suo di Elio Petri,  Una storia d’amore di Damiano Damiani e per molti spaghetti-western, da Django di Sergio Corbucci.

Famiglia di origini bulgare e religione ebraica, fu bambino prodigio del pianoforte e si trasferì ventenne in Colombia, poi in Europa, scegliendo per un po’ la Spagna, da cui scappò per il clima fascista del franchismo.

Si perfezionò a Parigi per poi giungere in Italia, a Roma, dove trovò lavoro prima alla Fonit Cetra, poi alla storica Rca.

Iniziò ad essere richiesto come arrangiatore, accompagna in concerto Claudio Villa e Milva, quindi il definitivo approdo a Milano, che sancì definitivamente il suo successo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, il governo pronto a lanciare la pillola anti-Covid entro fine anno
Esteri / Tragedia in Svizzera: investe e uccide il figlio di 14 mesi facendo manovra con il Suv
Esteri / Camion contro parata gay pride in Florida: un morto. "Attacco terroristico alla comunità Lgbt"
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l'obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto