Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

È morto Luis Bacalov, il celebre compositore del film “Il Postino”

Immagine di copertina
Luis Bacalov, compositore

All’età di 84 si è spento a Roma il celebre compositore argentino Luis Enrique Bacalov, premio Oscar nel 1996 per la colonna sonora de “Il postino”, l’ultima fatica cinematografica di Massimo Troisi.

L’artista era malato da tempo, è morto il pomeriggio del 15 novembre 2017 all’ospedale San Filippo Neri di Roma. A dare la notizia è stato il figlio, Daniel Bacalov. 

Nato a San Martín, in Argentina, il 30 agosto 1933, il pianista, compositore, direttore d’orchestra e arrangiatore argentino, ma naturalizzato italiano, negli ultimi mesi si era chiuso in sè, vittima di una depressione profonda

Nella sua lunga carriera di autore di colonne sonore, ha firmato le musiche di “La città delle donne” di Federico Fellini, “A ciascuno il suo” di Elio Petri, “Una storia d’amore” di Damiano Damiani e di molti spaghetti-western, come “Django” di Sergio Corbucci.

Compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra, Bacalov era nato in Argentina ma dal 1959 viveva in Italia. Nella sua lunga carriera di autore di colonne sonore, ha firmato le musiche di La città delle donne di Federico Fellini, A ciascuno il suo di Elio Petri,  Una storia d’amore di Damiano Damiani e per molti spaghetti-western, da Django di Sergio Corbucci.

Famiglia di origini bulgare e religione ebraica, fu bambino prodigio del pianoforte e si trasferì ventenne in Colombia, poi in Europa, scegliendo per un po’ la Spagna, da cui scappò per il clima fascista del franchismo.

Si perfezionò a Parigi per poi giungere in Italia, a Roma, dove trovò lavoro prima alla Fonit Cetra, poi alla storica Rca.

Iniziò ad essere richiesto come arrangiatore, accompagna in concerto Claudio Villa e Milva, quindi il definitivo approdo a Milano, che sancì definitivamente il suo successo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini