Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La motociclista che vuole gareggiare in Iran

Immagine di copertina

Behnaz Shafiei è una tra le poche donne cui è permesso guidare su circuiti motociclistici, anche se non può partecipare alle gare

Sulle colline polverose di Hashtgerd, che si trova circa 65 chilometri a ovest di Tehran, la capitale dell’Iran, un motociclista su una moto truccata arriva rombando lungo una pista, sfidando salti ripidi e curve pericolose.

Con addosso una brillante tuta nera e arancione, il motociclista sembra uguale a qualsiasi altro, finché non si toglie il casco. È una donna.

“Quando la gente lo scopre, si fermano e dicono damet-garm – ‘cavolo!’ -“, ha detto Behnaz Shafiei al Guardian.

Si sente la benvenuta in quello che senza di lei sarebbe un club motociclistico completamente maschile. Si allena tre volte la settimana: “Mi offrono aiuto quando traino la moto con la macchina o quando incappo in un problema tecnico.”

Behnaz Shafiei ha 26 anni ed è nel primo gruppo di donne motocicliste in Iran che hanno di recente ottenuto il permesso ufficiale di allenarsi su circuiti fuoristrada. È anche l’unica ad aver fatto competizioni professionali su strada.

Anche se Shafiei e una manciata di altre donne motocicliste possono frequentare questi club, a loro non è ancora permesso di iscriversi alle corse su piste ufficiali, incluse quelle del magnifico complesso sportivo di Azadi, al momento aperto esclusivamente agli uomini.

Alle donne in Iran è vietato guidare la moto in pubblico, e non possono ottenere la patente per guidare la moto, anche se è loro consentito partecipare ad altri sport, come le arti marziali o i rally automobilistici.

Ma le cose stanno cominciando a cambiare. La storia di Shafiei ha attirato interesse per le motocicliste iraniane. Un quotidiano nazionale l’ha recentemente fotografata e la televisione di stato ha trasmesso una sua intervista.

Shafiei spera che presto le sarà anche permesso di competere nelle gare ufficiali.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Ti potrebbe interessare
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa
Esteri / Morte della Regina: “Harry furioso per l’esclusione di Meghan da Balmoral”
Esteri / Il Cremlino avverte Kiev: “Dopo il referendum, ogni attacco in Donbass sarà contro la Russia”
Esteri / Ucraina, al via i referendum nelle regioni occupate: "Gruppi armati costringono a votare"
Esteri / Il patriarca di Mosca Kirill esorta i fedeli ad arruolarsi: “Se muori sarai con Dio”
Cronaca / Ue, l’avvertimento di Von der Leyen: “Se l’Italia andrà in una situazione difficile abbiamo gli strumenti”