Coronavirus:
positivi 43.691
deceduti 33.340
guariti 155.633

Il divieto di aborto nell’Irlanda del Nord dichiarato incompatibile con i diritti umani

Nel Paese è in vigore una legge del 1861 secondo cui le interruzioni di gravidanze sarebbero punibili con il carcere a vita

Di TPI
Pubblicato il 30 Nov. 2015 alle 12:43 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 00:30
0
Immagine di copertina

IIl tribunale di Belfast ha stabilito che le leggi che nell’Irlanda del Nord vietano l’aborto sarebbero incompatibili con la Convenzione europea sui diritti umani.

La sentenza di lunedì 30 novembre potrebbe portare a una modifica delle normative vigenti, secondo cui chi pratica un’interruzione di gravidanza sarebbe punibile col carcere a vita dato che è ancora in vigore l’Atto contro le offese alla persona del 1861.

Questo stato è l’unico all’interno del Regno Unito in cui non viene applicata la legge sull’aborto del 1967.

Secondo la Commissione per i diritti umani dell’Irlanda del Nord, una conseguenza probabile potrebbe essere la legittimazione all’interruzione di gravidanza per le donne rimaste incinte dopo uno stupro, un atto incestuoso o in caso di malattie del feto.

A luglio 2015 oltre 200 persone avevano sfidato la polizia locale ammettendo in una lettera aperta di aver procurato pillole abortive per altre donne e ragazze.

Nel 2013, circa 800 donne nordirlandesi sono state costrette a viaggiare fino agli ospedali britannici per potersi sottoporre a un’interruzione di gravidanza legale. Tra loro, anche una ragazzina di 13 anni che era rimasta incinta dopo aver subito violenze in famiglia.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.