Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:44
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Di chi è la colpa?

Immagine di copertina

Quando ci accade qualcosa di spiacevole siamo soliti dare la colpa a qualcuno. Incolpare l'altro ci fa perdere l'opportunità di provare empatia per il prossimo

Qualche anno fa il marito di Brené tornò a casa più tardi del solito e lei decise di aspettarlo sveglia. Per questo, la mattina seguente dovette prendere una seconda tazza di caffè per svegliarsi. Ma la tazza le cadde per terra e si ruppe in mille pezzi.

“Maledetto Steve!”. Questo fu il primo pensiero di Brené quella mattina.

Eppure, cosa c’entrava il marito? Secondo Brené, se fosse andata a letto prima non avrebbe sentito il bisogno di preparare una seconda tazza di caffè al mattino e non le sarebbe mai caduta dalle mani.

Questo è il ragionamento dei cosiddetti blamers, tutti coloro che hanno sempre bisogno di dare la colpa agli altri anziché responsabilizzare loro stessi per qualcosa di spiacevole che gli è accaduto. Quanti di voi possono definirsi blamers?

Brené Brown è la protagonista di questo curioso cortometraggio sulla colpa, titolato Brené Brown on Blame. Brown è una ricercatrice presso l’Università di Houston, negli Stati Uniti, e ha doppiato questo filmato animato di Katy Davis, un’illustratrice freelance. 

Incolpare le altre persone dà la sensazione di avere il controllo, spiega Brown. Eppure, dare sempre la colpa a qualcuno è solo un modo per scaricare dolore e frustrazione, anziché rendere conto del nostro operato.

A volte è più semplice e comodo incolpare chi abbiamo davanti piuttosto che essere sinceri con noi stessi, il che ci rende vulnerabili, perdendo l’opportunità di provare empatia per il prossimo. 

Brown ha trascorso gli ultimi dieci anni focalizzando le sue ricerche sul senso di vergogna, sulla colpa, sulla vulnerabilità e sul coraggio. Ha scritto due best-sellerOsare in grande. Come il coraggio della vulnerabilità trasforma la nostra vita in famiglia, in amore e sul posto di lavoro (2012) e I doni dell’imperfezione (2010). 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Esteri / Burkina Faso, strage di cristiani in un villaggio. Ci sono almeno 22 morti
Esteri / Chi è Robert Crimo, il rapper arrestato per la sparatoria del 4 luglio in Illinois
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Esteri / Burkina Faso, strage di cristiani in un villaggio. Ci sono almeno 22 morti
Esteri / Chi è Robert Crimo, il rapper arrestato per la sparatoria del 4 luglio in Illinois
Esteri / Guerra in Ucraina. Nato: Stoltenberg, avviata ratifica adesione Svezia-Finlandia
Esteri / Usa, sparatoria alla parata del 4 luglio nell’area di Chicago: “almeno 5 morti e 16 feriti”
Esteri / Ricky Martin accusato di violenza domestica nei confronti dell’ex
Esteri / Usa, 25enne afroamericano ucciso con 60 colpi di pistola dalla polizia durante in inseguimento: il video
Esteri / Anticipazione TPI – Il razzismo verso afroamericani e minoranze negli Usa raccontato da “Il fattore umano”
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: "Occidente non permette la pace”. Kiev: “Negoziati solo dopo cessate il fuoco”
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere