Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I democratici boicottano il voto su due nomine ministeriali di Trump

Immagine di copertina

I senatori della Commissione finanza rifiutano di votare i candidati al Tesoro e alla Salute

Le nomine fatte dal neopresidente Donald Trump per formare la sua squadra di governo devono affrontare il voto non sempre scontato dei senatori americani.

I senatori democratici hanno annunciato martedì 31 gennaio 2017 il boicottaggio del voto per confermare il segretario al Tesoro e il segretario alla Salute e ai Servizi umani.

La Commissione finanza del Senato avrebbe dovuto votare oggi sulle nomine di Tom Price e Steve Mnuchin, ma i membri democratici si sono rifiutati di partecipare. 

Malgrado la contrarietà manifestata dal presidente repubblicano della Commissione, il regolamento per l’approvazione delle nomine richiede la presenza di almeno un senatore democratico perché la votazione sia valida.

Questo significa che i democratici possono di fatto rendere impossibile che la Commissione si esprima disertando il voto.

La commissione istruzione del senato ha invece riferito all’intera camera alta la conferma della nomina di Betsy Devos come segretario all’Istruzione, con gli 11 voti a favore dei repubblicani e 11 voti contrari dei democratici.

Come funziona la conferma delle nomine

• Tutte le nomine del presidente per la squadra di governo, tranne il capo di gabinetto della Casa Bianca, deve ottenere la conferma da parte del senato.

• Ciascuno dei candidati deve essere esaminato dalla commissione corrispondente.

• La Commissione vota per riferire la nomina all’intera camera alta.

• La Commissione può esprimere parere favorevole o non favorevole, oppure riferire la nomina al senato senza alcuna raccomandazione. 

• La Commissione può provare a ostacolare la candidatura rifiutandosi di votare, ma il Senato può invocare la chiusura del dibattito per poter procedere.

• Una volta rimessa al Senato, i membri approvano o respingono la nomina con una votazione a maggioranza semplice.

• Dal 2013 non è possibile fare ostruzionismo sulle nomine dell’esecutivo.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Ti potrebbe interessare
Esteri / Regno Unito, la regina Elisabetta II ha trascorso la notte in ospedale: è la prima volta in 8 anni
Esteri / Ecco come Amazon trucca i risultati di ricerca per favorire i propri brand e schiacciare le piccole imprese
Esteri / Il business militare di Amazon con Israele rischia di reprimere i palestinesi: vi sveliamo come
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio