Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cos’è successo ieri a Ansbach, in Germania

Immagine di copertina

Si tratta del quarto attacco violento in Germania in meno di una settimana

Un richiedente asilo siriano si è fatto saltare in aria, ferendo 12 persone, nei pressi di un festival musicale nella città tedesca di Ansbach.

Il ministro degli Interni bavarese, Joachim Herrmann, ha riferito che il ragazzo, a cui era stato negato il diritto di asilo l’anno scorso, ha fatto esplodere il suo zaino fuori dall’area dell’Ansbach Open, dal momento che gli era stato rifiutato l’accesso perché sprovvisto di biglietto. L’obiettivo dell’attacco, secondo gli inquirenti, era proprio il concerto.

Il giovane aveva un permesso temporaneo per rimanere in Germania. 

Circa 2.500 persone sono state evacuate dalla zona dopo l’esplosione. L’esplosione è avvenuta nel centro della città. All’inizio si era fatta strada l’ipotesi di una fuga di gas, subito smentita.

Le forze dell’ordine hanno blindato il centro della città e stanno esaminando l’esplosivo usato. Tre dei dodici feriti sono in gravi condizioni. 

L’attentatore soffriva di disturbi psichici e aveva già tentato il suicidio. Secondo il ministro degli Interni però la matrice islamica non è da escludere.

L’attacco arriva al termine di una settimana drammatica per la Germania: 

18 luglio: un richiedente asilo diciassettenne proveniente dall’Afghanistan viene ucciso dopo il ferimento di cinque persone in un attacco contro un treno a Wurzburg. L’Isis rivendica l’attacco, rilasciando un video in cui il ragazzo, Muhammad Riyad, dice di essere un soldato del califfato. 

22 luglio: Un adolescente tedesco di origini iraniane uccide 9 persone, la maggior parte minorenni, in un centro commerciale a Monaco di Baviera, prima di togliersi la vita. Secondo gli inquierenti il ragazzo soffriva di disturbi psichici ed era ossessionato dalle stragi di massa.

24 luglio: un richiedente asilo siriano viene arrestato nella città di Reutlingen, Baden-Wuerttemberg, dopo aver ucciso una donna di nazionalità polacca con un machete e ferito altre due persone. La polizia suggerisce che forse si è trattato di un “delitto passionale”. 

24 luglio: un richiedente asilo siriano si fa esplodere all’esterno di un festival di musica nella cittadina bavarese di Ansbach, ferendo 12 persone. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il secolo turco: così il Sultano Erdogan è diventato il nuovo Ataturk
Esteri / Il feto è morto ma i medici non intervengono: deceduta donna in Polonia per le leggi anti-aborto
Esteri / Ranieri di Monaco: le cause della morte del Principe sovrano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il secolo turco: così il Sultano Erdogan è diventato il nuovo Ataturk
Esteri / Il feto è morto ma i medici non intervengono: deceduta donna in Polonia per le leggi anti-aborto
Esteri / Ranieri di Monaco: le cause della morte del Principe sovrano
Esteri / Imprenditore porta i dipendenti in vacanza lusso e chiude per una settimana
Esteri / Gli cade il cellulare in acqua mentre tenta di scattarsi un selfie: funzionario ordina di svuotare un’intera diga per recuperare il telefono
Esteri / Ohio, bimbo di 4 anni mangia tutta la confezione di chewing gum e rischia di morire: operato d’urgenza
Esteri / Kiev torna a colpire Mosca con droni, colpiti due edifici. La Russia condanna: “Terrorismo ucraino”
Esteri / Il Governo spagnolo lancia l’app per suddividere equamente le faccende domestiche tra donne e uomini
Esteri / La crociera si trasforma in un incubo per una tempesta: cabine e corridoi allagati | VIDEO
Esteri / Costringe l’amica ad un parto forzato in casa. Poi la uccide e le ruba il neonato