Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Usa, decisione storica della Corte Suprema: “No a licenziamenti su orientamento sessuale”

Immagine di copertina

Usa, Corte Suprema: “No licenziamenti su orientamento sessuale”

“No ai licenziamenti su orientamento sessuale”: con una decisione storica la Corte Suprema Usa ha stabilito nella giornata di lunedì 15 giugno 2020 che nessuna persona può essere allontanata dal proprio posto di lavoro perché gay o transgender. La decisione è stata presa a maggioranza con una votazione di 6 a 3 e con il presidente della Corte John Roberts e il giudice conservatore Neil Gorsuch che hanno votato con i giudici di nomina democratica. Nella sentenza i giudici spiegano che “un datore di lavoro che licenzia un dipendente perché gay o transgender viola il Titolo VII”. Il riferimento è al principio contenuto nel Civil Rights Act del 1964 che vieta qualsiasi discriminazione sulla base del sesso, e che include identità di genere e orientamento sessuale.

Nuovo video sulla morte di George Floyd, la polizia ignora le suppliche dei passanti

La possibilità di rendere possibili i licenziamenti dei transessuali era stata avanzata dall’amministrazione Trump ormai un anno fa quando aveva chiesto alla Corte Suprema di legalizzare la possibilità di mandare via dal posto di lavoro una persona per il suo orientamento sessuale. Secondo l’opinione dei membri del Dipartimento di Giustizia, infatti, chi aveva firmato il Civil Rights Act nel 1964 non aveva in mente la lotta alle discriminazioni contro le persone bisessuali, gay o trans ma soltanto quelle tra uomo e donna e tra bianchi e afroamericani. Un’opinione smentita dalla storica decisione della Corte Suprema arrivata nella giornata di lunedì 15 giugno.

Leggi anche: Usa, Trump chiede di legittimare il licenziamento delle persone transgender

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”