Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Coronavirus, una neonata di 17 giorni è guarita senza farmaci a Wuhan: è la più giovane al mondo

Immagine di copertina
Credits: Wuhan children's Hospital

Coronavirus, neonata di 17 giorni guarita a Wuhan

Mentre i casi di persone affette da coronavirus aumentano in Italia e nel mondo, a Wuhan, città epicentro dell’epidemia, una neonata di soli 17 giorni è guarita dal virus autonomamente, senza ricorrere ai farmaci.

Lo ha riferito il quotidiano inglese Daily Mail, che cita fonti locali. Xiao xiao, questo il nome della piccola, è la più giovane paziente al mondo a essersi ripresa dall’infezione.

I medici le aveva diagnosticato il coronavirus poco dopo la nascita, ma poiché i sintomi non erano evidenti –  aveva un’infezione alle vie respiratorie e lievi danni al miocardio – non le avevano somministrato alcun antibiotico.

“Non aveva evidenti difficoltà respiratorie, non ha tossito o avuto la febbre, quindi le abbiamo somministrato solo un trattamento per le sue condizioni miocardiche”, ha dichiarato il dott. Zeng Lingkong, del Dipartimento di Neonatologia dell’ospedale, all’emittente cinese CCTV.

I medici hanno assicurato che la bambina si è completamente ripresa dal coronavirus e dalle sue malattie cardiache, e il 21 febbraio, dopo tre test negativi, è stata dimessa dall’ospedale dell’Hubei in cui era ricoverata. Ora è a casa e sta bene.

Intanto gli esperti stanno cercando di calcolare la probabilità che il nuovo coronavirus possa trasmettersi dalle madri ai figli nell’utero.

All’inizio di febbraio un bambino nato da paziente affetta era risultato positivo all’infezione 30 ore dopo il parto, mentre un’altra donna, risultata positiva al test, aveva partorito una bimba sana.

In Italia invece cresce la preoccupazione per il diffondersi dell’epidemia. Per quanto riguarda i più piccoli, però, secondo quanto dichiarato a TPI dal virologo Fabrizio Pregliasco, i bambini riescono a sviluppare una migliore risposta immunitaria.

“Ancora non si hanno certezze, ma i più giovani reagiscono scacciando il virus, che si attacca invece agli anziani con complicanze mediche già presenti. Come le vittime italiane”, ha spiegato il medico.

Secondo i dati pubblicati nel Chinese Journal of Epidemiology – aggiornati all’11 febbraio – in Cina, il Paese più colpito dall’epidemia, non c’è stato nessuno decesso da coronavirus sotto i dieci anni e il virus avrebbe solo lo 0,2 per cento di letalità tra i 10 e i 19 anni. Il numero di decessi, quindi, sale con l’aumentare dell’età: la percentuale rimane la stessa (0,2 per cento) nelle fasce d’età 19-29 anni e 30-39 anni. Raddoppia tra i 40 e i 49 anni (0,4 per cento) e triplica in quella successiva: 1,3 per cento tra i 50 e i 59 anni. 3,6 per cento di decessi nelle persone che hanno tra i 60 e i 69 e l’8 per cento tra i 70 e i 79 anni. La fetta più consistente di decessi (14,8 per cento) è tra chi ha più di 80 anni.

Leggi anche:
Coronavirus, i bambini sono i meno colpiti e se contagiati guariscono: ecco perché
Il virologo Pregliasco a TPI: “Burioni fa allarmismo per mettere pressione al governo, ma il Coronavirus è poco più di una febbre”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi