Coronavirus, uno studio rivela: “Identificato nuovo anticorpo monoclonale capace di bloccare il Covid-19”

La ricerca, condotta da alcuni scienziati olandesi, è stata pubblicata Nature Communication

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 4 Mag. 2020 alle 16:38 Aggiornato il 4 Mag. 2020 alle 17:06
95
Immagine di copertina

Coronavirus, uno studio rivela: “Trovato nuovo anticorpo che blocca il Covid-19”

Un nuovo anticorpo monoclonale, capace di bloccare il Coronavirus, è stato identificato da alcuni ricercatori olandesi: è quanto rivelato dalla rivista Nature Communication dove è stato pubblicato lo studio condotto dagli scienziati dell’università di Utrecht, guidati da Berend-Jan Bosch. Chiamato 47D11, l’anticorpo è stato ricavato da anticorpi “chimera”, cioè derivati da cellule umane e di ratti. 47D11, che è in grado di neutralizzare sia il virus del Covid-19, che quello della Sars, potrebbe aiutare i ricercatori a sviluppare nuove terapie in futuro. “È la strada giusta ed è quella che stiamo cercando di percorrere anche noi che abbiamo sviluppato un anticorpo analogo insieme a partner internazionali”: è quanto dichiarato all’Agi da Giuseppe Novelli, genetista all’Università di Tor Vergata, che ha commentato così lo studio pubblicato su Nature Communication.

Fase 2, assembramento nella Cumana di Nopoli: circa 100 passeggeri senza mascherina

Novelli, che è alla guida di un progetto internazionale che sta sviluppando questo tipo di ricerche ha poi affermato: “C’è bisogno di avere più di un anticorpo a disposizione per avviare le sperimentazioni. Anche noi con il nostro gruppo di ricerca insieme a quello del Pandolfi a Boston e a quello dell’Università di Toronto abbiamo al momento due anticorpi monoclonali che stiamo cercando di testare e che vorremmo sperimentare anche in Italia in fase clinica insieme a Canada e India. Ora stiamo aspettando risposte dalle istituzioni ma è la strada giusta”. “Oggi questi anticorpi monoclonali – ha spiegato Novelli – sono la strada più importante perché ci vuole minor tempo per la fase di sperimentazione clinica e minor tempo per la produzione e servono per la cura dei pazienti infetti, mentre il vaccino invece è una cosa più a lungo termine più complicata da produrre e serve per la prevenzione a livello globale, ma noi abbiamo necessità di avere farmaci specifici adesso e i monoclonali sono farmaci specifici di grande importanza”.

Leggi anche: 1. L’Istat rivela: “11 mila morti in più collegabili al Coronavirus”. Raddoppiata la mortalità rispetto al 2019: a Bergamo registrato il +568% di decessi / 2. Primi test del vaccino italiano: “Anticorpi annientano il virus nelle cellule umane” / 3. Coronavirus e plasma iperimmune, primario De Donno di Mantova: “La cura del sangue funziona”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

95
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.