Coronavirus, l’Isis invita i suoi militanti ad andare via dall’Europa

L'invito ad abbandonare il Vecchio Continente arriva dopo la diffusione di un decalogo in cui i miliziani erano invitati a "lavarsi bene le mani" e a "fidarsi di Dio"

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 16 Mar. 2020 alle 07:28 Aggiornato il 16 Mar. 2020 alle 07:58
3.3k
Immagine di copertina

Coronavirus, l’Isis invita i suoi militanti ad andare via dall’Europa

Anche l’Isis si deve arrendere all’epidemia di Coronavirus: nell’ultimo numero della rivista jihadista Al-Naba, infatti, l’organizzazione terroristica ha invitato i suoi militanti ad andare via dall’Europa o comunque a starne lontano. Quello dello Stato islamico, dunque, è anche un invito a sospendere gli attacchi terroristici nel Vecchio Continente per salvaguardare la salute dei suoi miliziani.

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Già pochi giorni fa, l’Isis aveva stilato una sorta di decalogo per i militanti al fine di proteggerli dal Covid-19. I consigli, o meglio le “indicazioni in base alla Sharia”, erano del tutto simili a quelli forniti dalle autorità sanitarie internazionali da quando è scattata l’emergenza per l’epidemia di Coronavirus. Nel decalogo, infatti, lo Stato Islamico invitava i suoi militanti a “stare lontano dalle persone malate” e a “coprirsi la bocca quando si starnutisce o si tossisce”. Altro importante consiglio fornito era quello di “lavarsi le mani prima di mangiare e di bere”, mentre l’ultima direttiva, ma non per importanza, era quella di “fidarsi di Dio e cercare rifugio in lui”.

Leggi anche: 1. Il paradosso dei tamponi per il Coronavirus: se un calciatore è positivo fanno test a tutta la squadra, ma non ai medici in prima linea /2. Il rapporto shock della sanità britannica: “L’epidemia durerà fino al 2021 e colpirà l’80 per cento della popolazione”

3.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.