Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Picchiate dalla polizia e violentate: la terribile condizione delle donne nell’ex Giungla di Calais

Immagine di copertina

Ufficialmente la baraccopoli di Calais è stata smantellata, ma in realtà ci vivono ancora in molti. Donne e minorenni si trovano in condizioni di estremo disagio, rischiando violenze e aggressioni

“Prima mi ha ferita con qualcosa di tagliente, poi ha abusato di me ripetutamente e mi ha chiuso in casa per cinque mesi”. A parlare è Rishal, una ragazza eritrea di 28 anni che vive ancora nell’inferno di Calais, l’ex campo profughi situato a nord della Francia.

La 28enne racconta all’Independent dell’uomo, un trafficante di esseri umani, che ha sfortunatamente incontrato durante il suo lungo e tortuoso viaggio per l’Europa. Da tre mesi la giovane eritrea è a Calais, dove dorme in un bosco poco distante dall’ex campo, insieme a un centinaio di giovani. Il suo sogno è quello di raggiungere il fratello che vive nel Regno Unito.

Dopo aver rischiato la vita molte volte e aver vissuto esperienze altamente traumatiche, in sette mesi Rishal è riuscita a raggiungere quello che fino allo scorso anno era il più grande e pericoloso campo profughi d’Europa: la cosiddetta Giungla di Calais.

Il 24 ottobre 2016 il campo veniva sgomberato: centinaia di agenti della Compagnie Républicaine de Sécurité vennero mobilitati per l’occasione. Circa 7.500 persone, di cui 2mila minorenni, vennero spostate nei centri d’accoglienza e d’orientamento sparsi su tutto il territorio francese.

La Giungla di Calais oggi dopo l’evacuazione di 13 mesi fa. Credit:AFP PHOTO / FRANCOIS LO PRESTI

Secondo l’Ofii, l’agenzia governativa che gestisce le domande d’asilo, il 46 per cento delle persone che vivevano nel campo profughi di Calais aspetta ancora una risposta definitiva, il 42 per cento ha ottenuto l’asilo, mentre al 7 per cento è stato rifiutato.

Ufficialmente, dunque, la baraccopoli è stata smantellata, ma in realtà ci vivrebbero ancora in molti, e in condizioni peggiori rispetto a prima. Le associazioni benefiche raccontano che dal 24 ottobre dello scorso anno a oggi hanno consegnato migliaia di vestiti e sacchi a pelo.

Quando a Rishal viene chiesto come si sente, la ragazza non può negare i pericoli ai quali lei e le altre ragazze sono esposte.

“Gli stupri sono all’ordine del giorno”, racconta. “La scorsa settimana una ragazza stava salendo da sola su un camion e un ragazzo ubriaco l’ha assalita violentandola. Questo posto non è sicuro per le donne”.

Secondo l’Independent sono circa 20 le donne che certamente dormono nei pressi dell’ex campo di Calais, ma probabilmente il numero è molto più alto. La maggior parte di queste ha meno di 30 anni, alcune di loro ne hanno solo 16.

Queste giovanissime ragazze vivono tra circa 500 giovani uomini. Durante il giorno non hanno paura, ma la notte la situazione cambia.

Secondo un rapporto redatto dall’Unicef, dal 24 ottobre a oggi, circa 700 minori non accompagnati che vivevano a Calais sono scomparsi, mentre altri 750 sono stati portati al sicuro nel Regno Unito. L’organizzazione umanitaria parla di 1.000 persone che ancora oggi vivono in condizioni igienico-sanitarie precarie.

Visuale aerea di alcuni migranti lungo l’A216, la strada che costeggia l’ex Giungla di Calais.  Credit: AFP PHOTO / FRANCOIS LO PRESTI

Oltre a essere a rischio di sfruttamento sessuale, le donne vivono costantemente il pericolo di violenze da parte della polizia francese. Una relazione commissionata dal governo francese ha recentemente evidenziato che si sono verificati abusi sulle donne rifugiate nella zona.

“La violenza della polizia nei confronti dei rifugiati a Calais si è intensificata a livelli eccessivi e pericolosi, e la situazione complessiva dei minori non accompagnati si è deteriorata notevolmente un anno dopo lo smantellamento della Giungla”. La denuncia arriva da un nuovo rapporto dell’organizzazione no-profit Refugee Rights Data Project (Rrdp).

Il rapporto afferma che le tattiche degli agenti contro i circa 700 rifugiati di Calais includono anche l’accompagnare ragazzine in zone remote per poi abbandonarle. I ricercatori hanno utilizzato gli interpreti per intervistare 233 profughi, tra cui 94 bambini, alcuni anche sotto i 12 anni, e hanno riscontrato ripetute testimonianze sulla brutalità “sproporzionata e indiscriminata” della polizia, che comprende pestaggi abbastanza gravi da rompere gli arti.

Mercy ha 28 anni, anche lei è arrivata a Calais dopo essere fuggita dall’Eritrea e dagli abusi di un violento trafficante di esseri umani. Ha il braccio viola. “È successo la scorsa settimana”, spiega. “Stavo fuggendo dalle cariche della polizia che ci aveva scovato in un camion. Durante la corsa sono caduta ma gli agenti mi hanno lasciato lì. I miei amici mi hanno aiutato a raggiungere l’ospedale”.

Ai piedi di Mercy e Rashel c’è uno zaino-tenda accuratamente imballato. Spiegano di portarlo sempre dietro: è la loro camera da letto. “A volte viene la polizia per prenderlo e distruggerlo, per questo lo portiamo con noi. In quelle notti siamo costrette a dormire al freddo e poi dobbiamo ricomprarlo”, raccontano le donne.
Fino a oggi gli stupri accertati sono almeno due. In un caso, gli agenti hanno chiesto all’associazione umanitaria che sta assistendo questi nuovi rifugiati di Calais dei vestiti, poiché la donna vittima di violenza era stata trovata nuda.
 
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caricabatterie unico, arriva il sì definitivo del parlamento europeo: entro il 2024 l’obbligo per i device portatili
Esteri / Fondi comuni, parità di condizioni e trasparenza: l’Ue frena Berlino per lo scudo anti-rincari
Esteri / William e Harry, l’inedito retroscena sulla frattura definitiva nella Royal Family
Esteri / “Putin si prepara a un test nucleare al confine ucraino”, dice il Times
Esteri / Trump denuncia la Cnn per diffamazione: chiesti 475 milioni di dollari di risarcimento
Esteri / La falla di Nordstream 2 si è allargata, secondo la guardia costiera svedese
Esteri / Missile balistico nordcoreano sorvola il Giappone: cittadini invitati a ripararsi nei rifugi
Esteri / Quattro writer italiani arrestati in India: imbrattati due bus
Esteri / Italiana arrestata in Iran, si muove la Farnesina
Esteri / Liberato Baquer Namazi, ex responsabile Unicef detenuto in Iran insieme al figlio