Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”

Immagine di copertina

Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non invitato”

Il 28enne che lo scorso 9 maggio in Colorado ha compiuto una strage a una festa di compleanno ha ucciso perché non era stato invitato al party.

È quanto stato scoperto dagli investigatori che hanno indagato sulla vicenda. Secondo quanto ricostruito, Teodoro Macias, questo il nome dell’assassino, nella notte tra l’8 e il 9 maggio scorso, si è introdotto al Canterbury Mobile Home Park, un parco che ospita case mobili, e dopo aver raggiunto il caravan che ospitava la festa ha iniziato a sparare all’impazzata, prima di togliersi la vita con la stessa arma da fuoco.

L’uomo ha ucciso 6 persone, tra cui la sua fidanzata con la quale aveva una relazione da circa un anno. Presenti anche molti bambini che fortunatamente l’assassino ha risparmiato.

Per alcuni giorni gli inquirenti hanno tentato di capire le motivazioni che hanno portato l’uomo a compiere tale gesto fino all’incredibile verità: il 28enne ha ucciso perché non era stato invitato alla festa di compleanno.

“Oggi ci troviamo a piangere la perdita di vite umane e a pregare solennemente per coloro che sono stati feriti e per coloro che hanno perso i familiari in un atto di violenza insensato” aveva dichiarato il sindaco di Colorado Springs, John Suthers, subito dopo la strage.

“La parole non sono sufficienti per descrivere la tragedia avvenuta questa mattina – erano state invece le parole del capo della polizia Vince Niski – Come capo della polizia, come marito, come padre, come nonno, come membro di questa comunità, il mio cuore si spezza per le famiglie che hanno perso qualcuno che amano e per i bambini che hanno perso i loro genitori. Dagli agenti che hanno risposto alla sparatoria agli investigatori ancora sulla scena, siamo rimasti tutti incredibilmente scossi. Questo è qualcosa che speri non accada mai nella tua comunità, nel luogo che chiami casa”.

Leggi anche: Spari e studenti in fuga dalle finestre: il video della strage nella scuola di Kazan

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid