Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non era stato invitato al party”

Immagine di copertina

Colorado, strage alla festa di compleanno: “Ha ucciso perché non invitato”

Il 28enne che lo scorso 9 maggio in Colorado ha compiuto una strage a una festa di compleanno ha ucciso perché non era stato invitato al party.

È quanto stato scoperto dagli investigatori che hanno indagato sulla vicenda. Secondo quanto ricostruito, Teodoro Macias, questo il nome dell’assassino, nella notte tra l’8 e il 9 maggio scorso, si è introdotto al Canterbury Mobile Home Park, un parco che ospita case mobili, e dopo aver raggiunto il caravan che ospitava la festa ha iniziato a sparare all’impazzata, prima di togliersi la vita con la stessa arma da fuoco.

L’uomo ha ucciso 6 persone, tra cui la sua fidanzata con la quale aveva una relazione da circa un anno. Presenti anche molti bambini che fortunatamente l’assassino ha risparmiato.

Per alcuni giorni gli inquirenti hanno tentato di capire le motivazioni che hanno portato l’uomo a compiere tale gesto fino all’incredibile verità: il 28enne ha ucciso perché non era stato invitato alla festa di compleanno.

“Oggi ci troviamo a piangere la perdita di vite umane e a pregare solennemente per coloro che sono stati feriti e per coloro che hanno perso i familiari in un atto di violenza insensato” aveva dichiarato il sindaco di Colorado Springs, John Suthers, subito dopo la strage.

“La parole non sono sufficienti per descrivere la tragedia avvenuta questa mattina – erano state invece le parole del capo della polizia Vince Niski – Come capo della polizia, come marito, come padre, come nonno, come membro di questa comunità, il mio cuore si spezza per le famiglie che hanno perso qualcuno che amano e per i bambini che hanno perso i loro genitori. Dagli agenti che hanno risposto alla sparatoria agli investigatori ancora sulla scena, siamo rimasti tutti incredibilmente scossi. Questo è qualcosa che speri non accada mai nella tua comunità, nel luogo che chiami casa”.

Leggi anche: Spari e studenti in fuga dalle finestre: il video della strage nella scuola di Kazan

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Esteri / Marina Usa fa esplodere ordigno da 18mila chili in mare. Lo spettacolare video
Esteri / Francia, la destra moderata vince il primo turno delle regionali. Deludono Le Pen e Macron