Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Germania vuole rendere più facile l’espulsione per i rifugiati che commettono reati

Immagine di copertina

Lo ha reso noto il ministro della Giustizia Heiko Maas in seguito ai fatti verificatisi a Colonia durante la notte di Capodanno

Il governo tedesco ha reso noto che sta lavorando a un piano per rendere più facili le espulsioni dei rifugiati che commettono atti criminali e molestie sessuali in Germania.

La decisione è stata presa dopo che sono arrivate centinaia di denunce relative a episodi di furti e molestie sessuali a Colonia e in altre città della Germania verificatisi durante la notte tra il 31 dicembre del 2015 e il primo gennaio del 2016.

Secondo quanto riportato lunedì 12 gennaio, circa il 40 per cento delle denunce per molestie sessuali contro donne (qui un riassunto di cosa è successo). 

Questi episodi, stando alle denunce e alle testimonianze raccolte, sarebbero stati compiuti da gruppi apparentemente organizzati e composti principalmente da persone di origine nordafricana e mediorientale.

A queste testimonianze si è aggiunto il fatto che tra le prime 31 persone arrestate per i fatti di Colonia, 18 sono richiedenti asilo.

Questi episodi hanno inoltre scatenato una violenta serie di proteste in tutta la Germania. Lunedì 11 gennaio migliaia di persone sono scese in piazza a Lipsia al fianco del movimento anti-immigrazione Pegida per protestare contro gli episodi verificatisi a Colonia.

Nel 2015 oltre un milione di persone ha fatto richiesta d’asilo in Germania. 

In risposta ai fatti di Colonia e alle proteste che ne sono seguite, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha dichiarato che serve un chiaro segnale da inviare a chi potrebbe compiere altri atti di questo tipo.

Facendo seguito a queste dichiarazioni della Merkel, il ministro della Giustizia Heiko Maas ha dichiarato che il governo sta lavorando a rendere più facili le espulsioni dei rifugiati che compiono particolari reati.

Domenica 10 gennaio il ministro aveva inoltre dichiarato che gli attacchi di Colonia erano con tutta probabilità un episodio organizzato.

COSA È SUCCESSO A CAPODANNO A COLONIA 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”