Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

5 arresti in Belgio per un incendio al laboratorio di criminologia

Immagine di copertina

Al momento le autorità hanno escluso la pista terroristica e non hanno confermato se sia trattata di una bomba o meno. Nessuna vittima ma solo gravi danni all'edificio

Lunedì 29 agosto, cinque persone sono state arrestate dalla polizia belga in quanto legate all’incendio scoppiato nella notte presso i laboratori dell’Istituto nazionale di criminologia di Bruxelles, in Belgio.

Lo hanno reso noto i funzionari di polizia. Dietro questo gesto ci sarebbe, secondo le autorità, la volontà dei responsabili di distruggere delle prove forensi. 

Le cinque persone sono state arrestate nei pressi del laboratori subito dopo che è stato segnalato l’incendio, ha precisato la portavoce del procuratore belga, Ine Van Wymersch in conferenza stampa. 

Van Wymersch ha descritto la dinamica dell’accaduto nel corso della conferenza stampa, raccontando che un pick up avrebbe dapprima speronato la recinzione dell’edificio. A ciò sarebbe seguita una forte esplosione, causando infine l’incendio di grandi dimensione che ha devastato il laboratorio di criminologia alle 2 del mattino (ora locale). 

La grande esplosione è stata subito segnalata alle autorità, ma queste non hanno ancora confermato se si sia trattato di una bomba o meno. La portavoce ha inoltre sottolineato che il probabile obiettivo dei piromani fosse quello di distruggere “diversi file” conservati nel laboratorio. 

Alcuni residenti hanno raccontato che l’incendio sarebbe scaturito dall’utilizzo di materiale combustibile, piuttosto che da una bomba. 

Nel corso della notte, circa 30 vigili del fuoco hanno aiutato a spegnere l’incendio appiccato all’Istituto nazionale di criminologia che ha causato danni significativi, ma non ci sono state vittime. 

L’istituto indipendente legato al corpo di giustizia federale del Belgio preso di mira si trova nel quartiere di Neder-Over-Heembeek a nord di Bruxelles. 

Tuttavia, il livello di allarme terrorismo nel paese rimane elevato, dopo gli attacchi terroristici del marzo scorso che colpirono l’aeroporto e la metropolitana di Bruxelles. L’azione che causò la morte di 32 persone fu rivendicata dall’Isis. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane