Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cina, nuovi focolai di Covid-19: milioni di persone tornano in lockdown

Immagine di copertina
Credits: EPA/Rodrigo Sura

Milioni di persone sono di nuovo in lockdown in Cina, dove il Covid sta producendo nuovi focolai nelle città industriali di Shenzhen, Guangzhou, Dalian, Chengdu e Shijiazhuang. A Dalian, nel Liaoning, circa la metà dei suoi 6 milioni di residenti sono stati sottoposti a confinamento per una durata di 5 giorni. A Shenzhen, nel Guangdong, almeno 4 distretti con circa 9 milioni di residenti sono stati interessati dalla quarantena preventiva. A Guangzhou, capoluogo del Guangdong vicino a Hong Kong, sono stati rilevati martedì 5 contagi trasmessi localmente, che hanno fatto scattare il lockdown in alcune aree di un distretto fino a sabato.

Intanto sempre a Guangzhou la riprese delle lezioni negli asili nido, scuole primarie, medie e superiori è stata posticipata, mentre quelle già iniziate sono state sospese, secondo quanto riportato dai media statali. Anche i servizi di autobus e metropolitana sono stati ridotti. La politica della “tolleranza zero” al Covid, sostenuta strenuamente e senza eccezioni dal presidente Xi Jinping, che ha contribuito a limitare il contagio, ha però anche posto un ferno ell’economia. Secondo Capital Economics, le 41 città attualmente coinvolte nella stretta anti-pandemica, il numero più alto da aprile, sono responsabili del 32 per cento del Pil cinese.

Una situazione che allarmano gli esperti di economia, secondo cui il dragone dovrebbe concentrarsi sulla crescita e sulla prevenzione dello stallo economico, piuttosto che sui focolai di Coronavirus, come fatto da Usa, Giappone, Europa. “È tempo che la Cina adegui le sue politiche di controllo e prevenzione dei virus“, ha scritto l’Anbound Research Center, un think tank cinese, in un rapporto pubblicato lunedì, in cui sostiene che le dure restrizioni anti-Covid hanno prodotto blocchi al commercio, ai viaggi e all’industria.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”
Esteri / DART: la missione spaziale per deviare gli asteroidi che minacciano la Terra
Esteri / Cuba approva con un referendum il codice delle famiglie: le coppie omosessuali potranno sposarsi e adottare
Esteri / Russia, neonazista apre il fuoco in una scuola: almeno 13 morti, tra cui 7 bambini
Esteri / Trionfo Meloni, esultano Orban e Le Pen: “Vittoria meritata”. Premier Borne: “Vigileremo sul rispetto dei diritti umani”
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini