Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chi è l’uomo che ha tentato di farsi esplodere a Manhattan

Immagine di copertina

Il 27enne originario del Bangladesh indossava un ordigno esplosivo rudimentale quando ha tentato di farsi esplodere nel più affollato terminal di bus nel cuore di New York

Akayed Ullah è l’uomo di 27 anni originario del Bangladesh che nelle prime ore dell’11 dicembre 2017 ha tentato di farsi esplodere nel principale terminal degli autobus di Manhattan, a poca distanza da Time Square a New York.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Secondo James O’Neil, commissario della polizia di New York, l’uomo indossava un “ordigno esplosivo a bassa tecnologia attaccato al corpo che ha fatto detonare intenzionalmente”.

L’attentatore ha riportato ustioni e altre ferite ed è stato portato all’ospedale Bellevue di Manhattan.

Akayed Ullah è entrato negli Stati Uniti con i suoi genitori e fratelli nel 2011 grazie a un visto di immigrazione, come riporta CBS News.

Secondo quanto riferito è poi diventate un residente permanente negli Stati Uniti, vivendo a Brooklyn, la più popolosa delle cinque suddivisioni amministrative della città statunitense di New York.

Funzionari delle forze dell’ordine hanno riferito all’agenzia stampa Associated Press che Ullah è stato ispirato dallo Stato Islamico, ma non ha avuto contatti diretti con loro.

Secondo i media locali, l’uomo avrebbe dichiarato di aver agito per “vendicare i palestinesi che vivono nella striscia di Gaza, dopo le ultime dichiarazioni del presidente Trump”, che ha annunciato di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele.

L’attentatore di Manhattan avrebbe raccontato agli investigatori di aver costruito l’ordigno artigianale che indossava al momento dell’esplosione al suo posto di lavoro, secondo quanto scrive la CNN, senza per ora specificare che tipo di attività svolgesse Akayed Ullah.

La Commissione Taxi e Limousine della città di New York ha dichiarato alla CNN che Ullah ha posseduto una licenza di guida per taxi da marzo 2012 a marzo 2015, ma non guidava un taxi giallo o una vettura Uber. 

Attualmente invece lavorerebbe presso un’azienda che si occupa di di materiale elettrico.

L’ispettore generale della polizia in Bangladesh, AKM Shahidul Haque, ha dichiarato che Ullah non ha precedenti penali in Bangladesh.

Nel tranquillo quartiere residenziale di Kensington, alcuni testimoni hanno affermato di aver visto una squadra Swat entrare in un edificio di sei piani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato, i leader: "Da Cina e Russia minacce alla sicurezza". Draghi: "Riaffermare alleanza Usa"
Esteri / Putin: "Navalny? Non abbiamo l'abitudine di assassinare nessuno"
Esteri / Scandalo 1MDB: ex rapper dei Fugees accusato di pressioni per convincere Trump a non indagare
Esteri / Sversamento di idrocarburi a largo della Corsica: “Si rischia il disastro ambientale”
Esteri / Sudan, scarcerato Marco Zennaro: l'imprenditore italiano è ai domiciliari in hotel 
Esteri / Israele chiude la più importante organizzazione sanitaria palestinese. A rischio lotta al Covid
Esteri / Nuovi raid in Siria, bombardato un ospedale ad Afrin: almeno 18 morti
Esteri / La Regina Elisabetta taglia la torta con una spada: il video è esilarante
Esteri / È morto l’uomo con la famiglia più grande al mondo: aveva 38 mogli e 89 figli
Esteri / La variante Delta spaventa il mondo. Contagiosità, efficacia dei vaccini: cosa sappiamo