Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il cessate il fuoco in Yemen è in bilico

Immagine di copertina

Sono state registrate diverse violazioni su entrambi i fronti e vittime civili sia in Arabia Saudita che nel nord dello Yemen

La tregua di 72 ore entrata in vigore nella tarda serata di mercoledì 19 ottobre in Yemen è già compromessa a causa di alcune violazioni di entrambe le parti. 

Giovedì 20 ottobre, infatti, alcuni missili lanciati dallo Yemen verso la vicina Arabia Saudita hanno ucciso due civili, come riferito dagli Stati Uniti, mentre i raid della coalizione guidata da Riad hanno ucciso tre persone, stando a quanto reso noto dai ribelli sciiti houthi.

In Yemen, il paese più povero del mondo arabo, si combatte un conflitto civile che vede contrapposti i ribelli sciiti houthi – affiancati dalle milizie fedeli all’ex presidente Ali Abdullah Saleh e appoggiati dall’Iran – e le forze del presidente riconosciuto dalla comunità internazionale Abd-Rabbu Mansour Hadi. La coalizione guidata dall’Arabia Saudita è intervenuta nel marzo del 2015 al fianco di Hadi.

Il cessate il fuoco, concordato sotto l’egida delle Nazioni Unite, aveva alimentato le speranze che la guerra civile che sta devastando il paese e lo sta portando sull’orlo della carestia potesse finalmente finire.

La tregua sembrava reggere durante le ore iniziali, con la prima interruzione da tre mesi a questa parte dei bombardamenti su Sanaa, la capitale del paese, in mano ai ribelli.

Ma gli houthi hanno infranto la sospensione dei combattimenti, sparando alcuni colpi di mortaio verso Jazān e Najrān, in Arabia Saudita. La coalizione guidata da Riad ha detto di aver registrato 43 violazioni lungo il confine, inclusi cecchini attivi e il lancio di razzi.

Da Washington, il segretario di Stato americano John Kerry ha invitato i ribelli a rispettare il cessate il fuoco e ha detto che le violazioni compromettono la possibilità di riavviare i colloqui di pace.

I ribelli sciiti, da parte loro, hanno riferito di aver lanciato attacchi sui campi militari sauditi oltre il confine e che un raid della coalizione ha invece ucciso tre civili yemeniti nella provincia settentrionale di Saada.

Nel frattempo, nella città meridionale di Zinjibār, i miliziani di al-Qaeda hanno attaccato un checkpoint uccidendo cinque soldati e ferendone molti altri, ha riferito un funzionario locale all’agenzia di stampa Reuters.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid