Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Bruciati i bus per evacuare i civili dai villaggi siriani in mano ad Assad

Immagine di copertina

Raggiunta un'intesa per liberare i civili ad Aleppo est. In cambio, il governo ha chiesto che vengano evacuati i residenti di due villaggi sciiti assediati dai miliziani

I ribelli siriani e le forze governative hanno raggiunto un nuovo accordo per riprendere l’evacuazione di Aleppo est domenica 18 dicembre. In cambio, le forze leali al presidente siriano Bashar al-Assad hanno chiesto che sia consentito alle persone malate e ferite di abbandonare i due villaggi sciiti di al-Foua e Kefraya, attualmente sotto il controllo governativo ma assediati dai ribelli.

Alcuni autobus e veicoli della Mezzaluna Rossa sono arrivati alla porta dei villaggi poco dopo l’annuncio dell’accordo, secondo quanto riferito dal network televisivo al-Manar, affiliata al gruppo libanese di Hezbollah, alleato di Damasco. Tuttavia, cinque di questi autobus sono stati dati alle fiamme mentre erano diretti verso i villaggi, secondo quanto riportato dall’Osservatorio siriano per i diritti umani e dai media statali siriani. Questi ultimi hanno riferito che sono stati “terroristi armati” a condurre l’attacco, usando il termine che impiegano per definire i ribelli anti Assad. 

— Leggi anche: Tutte le tappe del conflitto siriano dal 2011 a oggi

I vertici delle milizie ribelli sostengono invece che sia stata una folla di persone, probabilmente alleate alle forze filo-governative, a dare alle fiamme i veicoli. I media statali hanno riferito anche che alcuni autobus verdi hanno iniziato ad arrivare ad Aleppo dopo l’interruzione dell’evacuazione venerdì 16 dicembre. 

Oltre 15mila persone si sono radunate in una piazza ad Aleppo est domenica 18 dicembre per aspettare i mezzi che li dovrebbero portare via dalla città. Molti di loro hanno trascorso la notte dormendo in strada, nonostante le basse temperature.

Sono circa 2.500 i cittadini dei due villaggi sciiti che dovrebbero essere evacuati in due gruppi, in cambio di un pari numero di persone che dovrebbe lasciare Aleppo est.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo