Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Chiude i due figli di 9 anni in casa e poi appicca il fuoco: il tragico racconto della moglie sopravvisuta

Immagine di copertina

La madre ha condiviso sui social le immagini dei volti dei bimbi ustionati

Brucia casa e uccide i due figli di 9 anni

Un uomo brucia casa e uccide i figli nell’incendio, chiudendoli prima in una stanza con la scusa di mostrargli un nuovo gioco e poi appiccando il fuoco.

In realtà Darren Sykes, questo il nome del killer, si preparava a togliere la vita ai bambini di nove anni avuti con la moglie Claire.

La mamma ha condiviso immagini devastanti del più grande, Jack, con il volto completamente ustionato, poco prima che morisse 5 giorni dopo.

Claire ha diffuso l’immagine sui social scrivendo: “Questo abuso domestico è il frutto di un contatto pericoloso con i bambini”: i due erano separati e il marito si ostinava a volerli vedere anche se era una persona instabile e i figli stessi rifiutavano il contatto.

“Il piccolo era un ragazzo gentile che aveva il cuore e il coraggio di  un leone”, continua Claire nel suo post.

Jack riportava ferite e bruciature su oltre la metà del suo corpo, ma prima di perdere ai sensi è riuscito a dire ai vigili del fuoco intervenuti sul posto che era stato il padre a gettarlo tra le fiamme.

La madre, ancora distrutta per l’omicidio, è intervenuta sui social in merito al piano drastico di Boris Johnson di chiudere il parlamento fino al 14 ottobre, a pochi giorni dalla scadenza della Brexit, perché l’accordo non venga discusso tra le due Camere dei Comuni e l’uscita dall’Unione Europea avvenga senza opposizioni o ritardi.

Se questo avvenisse, però, il decreto contro la violenza domestica non si discuterebbe e non verrebbe approvato.

Claire ha paura che il piano, che introdurrebbe per la prima volta una definizione ufficiale di “abusi domestici” e inasprirebbe le pene per chi li commette, potrebbe morire insieme alla decisione di chiudere il Parlamento britannico.

“Chiedo a questo governo di dare ai bambini e alle vittime una voce”: #childfirstcampaign.

Claire ha raccontato che la relazione con il marito era “tossica” da anni, ed era già separata dal marito. Il quale però aveva a disposizione cinque ore alla settimana per vedere i figli, nonostante questi non volessero incontrarli e avessero paura di lui.

Ma Sykes ha avuto bisogno di soli 15 minuti per appiccare il fuoco.

Usa, incendio in un asilo in Pennsylvania: morti 5 bambini, avevano tra gli 8 mesi e i 7 anni

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, forte terremoto a Creta: almeno un morto e nove feriti
Esteri / Svizzera, vincono i sì al referendum sui matrimoni gay: favorevoli quasi due terzi degli elettori
Esteri / A San Marino l’aborto è diventato legale
Esteri / Elezioni Germania, crolla la Cdu. Spd avanti: per governare serve l'accordo con Verdi e Liberali
Esteri / Elezioni in Germania, proiezioni: Spd in leggero vantaggio sulla Cdu
Esteri / I talebani appendono i cadaveri di 4 uomini a una gru nella piazza di Herat: “Ecco la pena per i rapitori”
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”