Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Brexit, Corbyn ha detto che i laburisti sono pronti a sostenere un nuovo referendum

Immagine di copertina

Jeremy Corbyn, leader dei laburisti, si è detto favorevole a sostenere un nuovo referendum sulla Brexit. Il suo partito sosterrà i 3 emendamenti per scongiurare il rischio di una Brexit senza accordo, il temuto scenario del No deal.

L’annuncio di Corbyn è previsto durante una riunione con i  dirigenti del partito laburista nella serata del 25 febbraio.

È la prima volta che i laburisti si espongono in maniera così esplicita sull’ipotesi di un nuovo referendum. In passato Corbyn e i suoi erano stati accusati di un atteggiamento ambiguo nei confronti della Brexit. Ma alla fine Corbyn ha dovuto cedere

Il leader laburista infatti ha dovuto recentemente fare i conti con le dimissioni in massa dei deputati del suo partito, ragione che lo ha spinto a rivedere la posizione sull’uscita del Regno Unito dalla Ue.

Leggi anche: Brexit, conservatori e laburisti perdono i pezzi: il Parlamento britannico è un cantiere aperto

La sua mossa è un modo per cercare di arginare la fuga di tutti gli europeisti, che sarebbero passati tra le fila del neonato gruppo indipendente composto dai ribelli laburisti e conservatori.

Corbyn userà inoltre questa sua posizione come “minaccia” per fare “ingoiare” il suo personale piano sulla Brexit: un’unione doganale permanente vista di buon occhio anche da Bruxelles. Corbyn ha annunciato inoltre che voterà l’emendamento Cooper, che darebbe tempo a Theresa May fino al 13 marzo per trovare un accordo, e in caso contrario la palla passerebbe al parlamento, che rinvierebbe in automatico la Brexit, superando la data termine del 29 marzo.

Nello specifico, il partito laburista ha annunciato che presenterà un emendamento da mettere al voto mercoledì 27 febbraio, in cui chiederà ai deputati di appoggiare una unione “doganale” permanente con l’Ue. Se questo emendamento sarà bocciato allora i laburisti “rispetteranno la promessa” di appoggiare un nuovo referendum.

Theresa May intanto non getta la spugna, e si dice fiduciosa di riuscire a portare a casa un accordo entro la fatidica data del 29 marzo. Anche se i numeri sembrano dire il contrario.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Ti potrebbe interessare
Esteri / Si è suicidato uno dei poliziotti che difesero Capitol Hill dall’assalto: è il quarto in 7 mesi
Esteri / Atene assediata dagli incendi: migliaia di abitanti e turisti costretti alla fuga
Esteri / Cadaveri per le strade, negozi in fiamme e raid aerei: migliaia di civili fuggono dai talebani nel sud dell’Afghanistan
Esteri / Ucraina, uomo si barrica nella sede del governo e minaccia di far esplodere una bomba: arrestato
Esteri / "Quella maledetta esplosione ha ucciso nostra figlia e distrutto la nostra casa"
Esteri / L’Ungheria evoca l’uscita dall’Ue: “Possibile nel 2030, quando dovremo dare più di quanto riceviamo”
Esteri / A Wuhan torna l’incubo lockdown: isolato un quartiere e chiuse le scuole
Esteri / Bielorussia, ritrovato morto impiccato il dissidente anti Lukashenko scomparso a Kiev
Esteri / I sospetti dei media Usa e inglesi sulla vittoria di Jacobs: “La storia è piena di vincitori dopati”
Esteri / Regno Unito, in autunno terza dose di vaccino per tutti: la decisione di Boris Johnson