Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Bolsonaro toglie agli indigeni la gestione delle loro riserve: regalo alla lobby dei proprietari terrieri

Immagine di copertina
Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro. Credit: EVARISTO SA / AFP

Il presidente mantiene l'impegno assunto in campagna elettorale e affida la gestione dei confini al ministero dell'Agricoltura, retto da una ministra vicina alla lobby degli agricoltori. La leader degli indigeni avverte: "La rottura è iniziata"

In Brasile il neo-presidente Jair Bolsonaro ha sottratto alle popolazioni indigene la gestione dei confini dei loro territori e l’ha affidata al ministero  dell’Agricoltura, retto da Tereza Cristina, donna assai vicina alle lobby dei proprietari agricoli.

Il provvedimento era stato più volte annunciato da Bolsonaro in campagna elettorale ed è stato concretizzato tramite un decreto che il presidente ha firmato poche ore dopo il suo insediamento.

Da trent’anni la gestione dei confini delle riserve indigene era in mano alla Fondazione nazionale per gli Indigeni (Funai, Fundaçao Nacional do Indio): questo ente, che fa capo al ministero della Giustizia, era deputato, tra le altre cose, all’identificazione, delimitazione e creazione di nuove riserve indigene.

Bolsonaro ha tolto questa prerogativa al Funai e l’ha assegnata al ministero  dell’Agricoltura, guidato da Tereza Cristina, già deputata federale eletta nello stato di Mato Grosso, nonché leader del gruppo parlamentare Bancada Ruralista, che rappresenta gli interessi dei grandi proprietari terrieri brasiliani.

Il decreto del presidente è stato duramente criticato da Sonia Guajajara, una dei principali leader indigeni del Brasile, già candidata alla vicepresidenza della Repubblica con il Partito Socialista e della Libertà (PSOL).

“La rottura è iniziata. Il Fuani non è più responsabile per l’identificazione, la delimitazione, la demarcazione e la registrazione delle terre indigene. C’è qualcuno che ancora dubita dell’elusione delle promesse elettorali (di Bolsonaro, ndr)?”, ha scritto Guajajara sul suo profilo Twitter.

In Brasile ci sono oggi 462 riserve indigene, che occupano un’area pari al 12,2 per cento del territorio nazionale, per lo più in Amazzonia: in questi territori vivono complessivamente circa 900mila indigeni.

In campagna elettorale il neo-presidente Bolsonaro ha anche promesso di difendere i proprietari terrieri le cui terre sono occupate dai contadini e ha annunciato che presenterà al Congresso una proposta di legge che classifica come terrorismo l’occupazione di una terra.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato