Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Boris Johnson critica gli italiani, ma uno dei medici che lo hanno salvato dal Covid è di Catanzaro

Immagine di copertina
Il primo ministro britannico Boris Johnson. Credit: EPA/WILL OLIVER

"C’è un'importante differenza fra noi e molti altri Paesi nel mondo. Il nostro ama da sempre la libertà", aveva detto nei giorni scorsi il premier britannico, criticando indirettamente gli italiani

Aveva dichiarato che il popolo britannico “ama da sempre la libertà” e che per questa ragione il Regno Unito sta registrando un numero maggiore di nuovi casi di Coronavirus rispetto ad altri, come Italia e Germania. Con questa gaffe, tuttavia, il premier britannico Boris Johnson ha rivolto una critica non solo agli italiani in generale, ma anche – indirettamente – a uno dei medici che lo hanno salvato quando ha contratto il Covid-19.

Lo pneumologo Luigi Camporota, originario di Catanzaro, ha avuto in cura Johnson quando il premier è stato ricoverato all’ospedale St. Thomas di Londra dopo essere risultato positivo al Coronavirus. Camporota, 50 anni, si è laureato in Italia nel 1995 prima di trasferirsi a Londra, dove è diventato uno dei migliori nel suo campo, tanto da essere definito dal Times “un’eccellenza nel campo della terapia intensiva e della cura delle malattie respiratorie”

Alle critiche di Johnson ha già risposto – in un contesto informale e privato – il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha dichiarato: “Anche noi italiani amiamo la libertà ma abbiamo a cuore anche la serietà”.

“Dire che gli inglesi non rispettano le regole perché sono liberi, e paragonarli a noi italiani, significa una cosa sola”, ha scritto Beppe Severgnini sul Corriere della Sera. “Gli italiani rispettano le regole perché sono meno liberi, magari un po’ servi. L’affermazione è talmente grottesca da non diventare neppure offensiva”. E aggiunge: “Ma come? Prima, in Gran Bretagna, ci accusavate di essere indisciplinati e inaffidabili; adesso di essere affidabili e disciplinati. Diteci cosa dobbiamo fare! A parte scuotere la testa increduli”.

Leggi anche: 1. “Noi amiamo la libertà, ma anche la serietà”: Mattarella risponde al premier britannico Johnson /2. Covid, volontari sani infettati per accelerare sul vaccino: il test nel Regno Unito fa discutere

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio
Esteri / Dalla Germania alla Cina: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Corea del Nord: condannato a morte per aver importato una copia di Squid Game
Esteri / Le storie dei lavoratori che sfidano Amazon nel giorno del Black Friday
Cronaca / Sudafrica, rilevata nuova variante Covid-19: “Minaccia grave”
Esteri / Iran, uccise la fidanzata a 17 anni: impiccato 25enne. Amnesty: “Ha confessato sotto tortura”
Esteri / La nuova Germania di Olaf Scholz: lotta alla crisi climatica, salario minimo e cannabis legalizzata