Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

14 morti nella seconda esplosione in due giorni in Nigeria

Immagine di copertina

Due giovani ragazze kamikaze si sarebbero fatte saltare in aria nei pressi di un mercato

Due giovani attentatrici suicide si sarebbero fatte esplodere mercoledì 18 novembre pomeriggio in un negozio di telefonia nella città di Kano, nel nord della Nigeria. Secondo le autorità locali, almeno 14 persone sarebbero rimaste uccise durante l’attacco e oltre 100 sarebbero rimaste ferite.

Le esplosioni arrivano a un giorno di distanza da un attentato al mercato di Yola, nel nordest della Nigeria, in cui 32 persone avevano perso la vita.

Nonostante non ci siano rivendicazioni, entrambi gli attacchi sarebbero collegati alle attività del gruppo estremista Boko Haram, che dal 2009 avrebbe ucciso almeno 17mila persone e costretto altri 2,6 milioni a lasciare le proprie abitazioni.

Secondo le ricostruzioni della polizia riguardo all’attentato del 18 novembre, le due ragazze, di 11 e 18 anni circa ed entrambe con addosso l’Hijab – il velo islamico – sarebbero arrivate al mercato a bordo di un minibus. 

Una delle due giovani sarebbe entrata nel mercato, mentre l’altra sarebbe rimasta fuori.

Le vittime sono poi state portate all’ospedale, ha riferito il portavoce della polizia.

Quest’anno, l’esercito nigeriano ha riconquistato diversi territori caduti nelle mani di Boko Haram. Nell’ultimo periodo il gruppo terrorista sembra essersi concentrato su piccole azioni come attacchi a villaggi, mercati, stazioni dell’autobus e luoghi di preghiera.

Da quando, a maggio, è iniziato il mandato del presidente nigeriano Muhammadu Buhari, che ha rafforzato la sicurezza per combattere Boko Haram, circa 1.500 persone sono state uccise nel nord e nel nordest della Nigeria.

“Le forze armate e le agenzie di sicurezza della Nigeria rinvigorite, ben equipaggiate e ben motivate sconfiggeranno Boko Haram molto presto”, ha dichiarato Buhari, che qualche giorno fa era andato in visita a Yola, prima dell’attentato al mercato e aveva affermato che Boko Haram era prossimo alla sconfitta.

Il gruppo estremista ha utilizzato più volte come kamikaze ragazze giovani, costrette a farsi saltare in aria contro la loro volontà, secondo gli esperti. A luglio 2014, in una sola settimana diverse giovani attentatrici suicide avevano condotto quattro attacchi proprio a Kano.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siria, bimba di 8 anni salvata dopo 40 ore sotto le macerie del terremoto
Esteri / ‘Ndrangheta, arrestato a Bali Antonio Strangio: era latitante da 7 anni
Esteri / Siria, miracolo dopo il terremoto: salvata una bambina nata sotto le macerie
Esteri / Siria devastata dal terremoto, ma la figlia di Assad avverte: “Non inviate aiuti alle zone controllate dai ribelli”
Esteri / Terremoto in Turchia e Siria: nuova scossa 5.3 a Dogansehir. Le vittime sono più di 11.000
Esteri / Terremoto in Turchia, evasi 20 affiliati dell’Isis detenuti in Siria
Esteri / Terremoto in Turchia, estratti vivi dopo 28 ore una mamma e i suoi tre figli
Esteri / Qatargate, le pressioni di Panzeri per fermare la nomina Ue di Di Maio
Esteri / Terremoto in Turchia, morto il portiere Türkaslan: sui social la struggente reazione delle moglie
Esteri / Terremoto in Turchia: la scossa potente come 130 bombe atomiche, oltre 5.100 i morti