Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un blackout mette la Crimea in ginocchio

Immagine di copertina

I piloni dell'elettricità sono stati sabotati. Secondo il governo locale si tratta di un ricatto dell'Ucraina

Lunedì 23 novembre il governo della Crimea ha lanciato lo stato d’emergenza per il blackout, ancora non risolto, che ha colpito il Paese nella notte tra venerdì 20 e sabato 21.

Due milioni di abitanti sono attualmente senza luce elettrica e i residenti dei grattacieli del Paese non dispongono nemmeno di acqua corrente, che non può essere pompata ai piani superiori. I servizi di wifi sono stati interrotti, ma rimane attiva la copertura telefonica mobile.

Secondo le autorità locali, si tratta di un intervento compiuto di proposito dall’Ucraina per mettere in difficoltà il territorio, che prima era annesso al governo di Kiev e dal 2014 fa invece parte della Russia.

La Crimea dipende quasi totalmente dall’Ucraina per quanto riguarda l’energia, visto che riesce a produrre soltanto il 30 per cento del suo fabbisogno interno. 

Non sarebbe la prima volta che l’Ucraina minaccia indirettamente la Crimea togliendole l’energia elettrica. Anche se non ci sono mai state rivendicazioni in merito, i cittadini del Paese avevano letto i vari blackout dell’inverno del 2014 proprio come ricatti di Kiev.

Il primo ministro della Crimea Sergei Aksyonov ha definito il blackout un atto terroristico e ha dichiarato: “Nessuno può mettere gli abitanti della Crimea in ginocchio. Non permetteremo che ci ricattino”.

I primi quattro piloni dell’elettricità sarebbero stati danneggiati venerdì, nella regione di Cherson, vicino al confine con l’Ucraina. Domenica 22 novembre, il sabotaggio di altri due piloni ha tolto l’elettricità all’intero Paese.

La compagnia elettrica statale ha diffuso le fotografie dei danni provocati ai piloni, mostrando come non si sarebbe trattato di un malfunzionamento della rete elettrica, ma di un’azione volontaria.

La Russia sta provando a risolvere la situazione con generatori locali, che diminuiscano i disagi provocati dal blackout, ma la situazione non è ancora sotto controllo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / I cani mangiano il biglietto vincente della lotteria, coppia riesce a riscuotere il premio
Esteri / Si taglia i genitali mentre dorme: stava sognando di affettare la carne
Esteri / In Scozia tamponi e assorbenti diventano gratuiti nei luoghi pubblici
Ti potrebbe interessare
Esteri / I cani mangiano il biglietto vincente della lotteria, coppia riesce a riscuotere il premio
Esteri / Si taglia i genitali mentre dorme: stava sognando di affettare la carne
Esteri / In Scozia tamponi e assorbenti diventano gratuiti nei luoghi pubblici
Esteri / Panico a Shanghai: scatta l’ordine di quarantena all’Ikea, le persone fuggono dal negozio | VIDEO
Esteri / Myanmar, San Suu Kyi condannata ad altri sei anni carcere
Esteri / Egitto, incendio in una chiesa copta a Giza: almeno 41 i morti
Esteri / Taiwan, dopo Nancy Pelosi arriva a sorpresa sull’isola un’altra delegazione del Congresso Usa
Esteri / Washington, uomo si schianta con auto in fiamme contro il cancello di Capitol Hill
Esteri / Dopo Rushdie, minacce di morte anche alla scrittrice J.K. Rowling: “La prossima sarai tu”
Esteri / Gerusalemme, attacco contro un bus: almeno otto feriti