Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Parla il giornalista italiano arrestato in Bielorussia: “Tre giorni in cella senza mangiare”

Il freelance Claudio Locatelli fermato durante le proteste post-voto, rilasciato per l'intervento dell'Ambasciata italiana a Minsk: "Stavo filmando col cellulare, me lo hanno distrutto"

 

 

Claudio Locatelli, giornalista freelance italiano, è stato arrestato e rilasciato dopo tre giorni in Bielorussia, dove sono in corso dure proteste di piazza per il contestato esito delle elezioni presidenziali, che hanno visto prevalere per la sesta volta consecutiva Aleksandr Lukashenko. Locatelli è stato arrestato nella notte tra domenica 9 e lunedì 10 agosto e rilasciato oggi, mercoledì 12 agosto, per l’intervento dell’Ambasciata italiana a Minsk. A darne notizia è stato lui stesso, sulla sua pagina Facebook.

“In carcere non mi hanno dato da mangiare per tre giorni, ora sto bene, sono nella sede dell’Ambasciata e dovrei fare rientro in Italia domani”, racconta Locatelli a TPI. “Ero in Bielorussia insieme ad altri tre italiani per una gara sportiva di Ocr, corsa a ostacoli estremi. Siamo arrivati martedì 4 agosto. La notte tra domenica e lunedì (quella dello spoglio elettorale e dell’inizio delle proteste, ndr) sono uscito per verificare cosa stava accadendo. Stavo filmando con il cellulare di lavoro, quando la polizia militare mi ha preso di mira e ha distrutto il telefono”.

Poi l’arresto: “Per ragioni di riservatezza per ora non posso dire molto”, spiega, aggiungendo che fornirà maggiori dettagli sul fermo e sulla detenzione una volta rientrato in Italia. “L’Ambasciata ha fatto un gran lavoro per il rilascio”, si limita a dire.

Trentadue anni, bergamasco residente a Padova, Locatelli ha un passato da combattente anti-Isis in Siria al fianco dei curdi nella regione del Rojava (dove nel marzo 2019 perse la vita l’italiano Lorenzo Orsetti): “In Siria ne ho viste di cose strane, e posso dire che questa è stata paragonabile. Anche qui all’Ambasciata italiana mi hanno detto che da 10 anni almeno non si trovavano davanti una situazione così particolare come la mia”.

Locatelli è atteso in Italia per la giornata di domani: lo attende un periodo di quarantena precauzionale di 14 giorni per escludere che sia positivo al Coronavirus.

Claudio Locatelli con l’ambasciatore italiano a Minsk, Mario Baldi

Leggi anche: Bielorussia, la dissidente Tarasevich a TPI: “Lukashenko usa il Covid per violare i diritti umani. Vuole annetterci alla Russia”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Donbass, schiaffo di Kiev a un giorno dall’annessione: Mosca ammette il ritiro da Lyman
Esteri / Nord Stream: “Esplosi 500 chili di tritolo. Bombe piazzate da robot di manutenzione”
Esteri / Russia, il rapper Walkie si toglie la vita per non andare in guerra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Donbass, schiaffo di Kiev a un giorno dall’annessione: Mosca ammette il ritiro da Lyman
Esteri / Nord Stream: “Esplosi 500 chili di tritolo. Bombe piazzate da robot di manutenzione”
Esteri / Russia, il rapper Walkie si toglie la vita per non andare in guerra
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Esteri / Ucraina, sale la tensione a Zaporizhzhia: missili su un convoglio umanitario, 25 morti
Esteri / Nord Stream, 007 Russia: “Prove coinvolgimento Occidente in attacchi”. Grande nuvola di metano su Norvegia e Svezia
Esteri / Guerra in Ucraina, le intercettazioni dei soldati russi: “Putin è un idiota. Ci ordinano di uccidere tutti”
Esteri / Non solo il velo: la rivolta in Iran assume le dimensioni di una vera lotta di classe
Esteri / Afghanistan, attentato in una scuola di Kabul: almeno 19 morti e 27 feriti