Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Malato di leucemia, a 11 anni chiede che la sua bara sia piena di adesivi da corsa

Immagine di copertina
Il piccolo Caleb. Credit: Instagram/Kylee Hammond

Il piccolo Caleb, affetto da una forma di leucemia, era appassionato di motori da quando aveva due anni

Aveva un solo desiderio: che la sua piccola bara bianca fosse ricoperta degli adesivi legati al mondo delle corse. Caleb Hammond aveva 11 anni e un male incurabile. Sapeva che non ce l’avrebbe fatta e così alla mamma, prima di andarsene, ha confessato il suo piccolo grande sogno.

La madre, in un lungo post su Facebook, ha annunciato che il suo bambino non c’era più: Caleb è morto nella notte tra l’8 e il 9 settembre.

Struggenti le parole della donna che ha dato ai tanti sostenitori di Caleb la triste notizia: “Il nostro piccolo Mr se ne è andato serenamente nel sonno alle due di questa mattina, circondato dalle nostre famiglie. Ha detto che si stava preparando ad andarsene; ha aggiunto sorridendo che mi aveva sognato. Con la mia mano sul suo petto, ho sentito il suo ultimo respiro e il battito del suo cuore”.

A stringersi intorno al dolore immenso della famiglia è anche la società che organizza e gestisce molti campionati automobilistici tra Stati Uniti e Canada, la NASCAR. “Oggi corriamo in memoria di Caleb”, si legge sull’account Twitter della società.

“Le nostre più sentite condoglianze vanno agli amici e alla famiglia di Caleb Hammond”. Ma non solo, la società ha osservato un minuto di silenzio per il piccolo appassionato di motori, prima del via delle gare a Indianapolis.

Aveva due anni, Caleb, quando nasceva il suo amore per le corse. A trasmettergli la passione, lo zio Chris Playle. “Era il mio compagno di corse. Mi divertivo tanto quanto lui a guardare le corse”, ha detto Chris, segnato dalla perdita del nipotino.

Proprio l’amore smisurato per l’automobilistica aveva portato Caleb a fare quella bizzarra ma dolce richiesta. Sono state tante, tantissime le persone che sono state vicino a Caleb e ai suoi familiari, aiutando genitori e parenti ad affrontare il dolore per una tragedia immensa.

“Uno dei suoi obiettivi era essere in grado di guidare una macchina da corsa quando sarebbe diventato più grande”, ha rivelato il padre del piccolo.

Caleb soffriva di una forma di leucemia linfoblastica acuta. La malattia gli era stata diagnosticata all’età di nove anni. Nonostante il trapianto di midollo osseo di gennaio, il cancro era tornato aggressivo e impietoso e Caleb non ce l’ha fatta.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Se l’Europa vuole tenere testa a Usa, Russia e Cina deve dotarsi del Nucleare”: il realismo preventivo di Massimo Fini
Esteri / Mascherina all’aperto, quali sono i Paesi in Europa che hanno già tolto l’obbligo
Esteri / Vaccino unico per Covid e influenza: il via già in autunno
Esteri / Usa, la sfida dei vescovi cattolici: approvato documento per vietare la comunione a Biden
Esteri / Iran, vince al primo turno l'ultraconservatore Ebrahim Raisi
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa