Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

A due anni ritrova udito e voce dopo un intervento al cervello: l’incredibile storia di Leila

Immagine di copertina

Leila è nata totalmente sorda, poi è tornata a sentire e a parlare grazie ad un intervento al cervello.

“Quando è nata i medici ci avevano detto che non avrebbe neppure sentito una bomba esplodere. Non aveva apparato uditivo, e questo significava che non l’avrebbero potuta aiutare né gli apparecchi acustici tradizionali né un impianto cocleare”, racconta il papà.

Bob Armitage, padre della bambina inglese che oggi torna a sentire grazie ad un intervento pionieristico ha rilasciato una lunga e toccante intervista alla Bbc.

I genitori, originari dell’Essex in Gran Bretagna, hanno acconsentito all’inserimento di un dispositivo nel cervello che serve a stimolare le vie uditive nei soggetti nati senza coclea e senza nervi acustici, ma non sapevano la percentuale di riuscita dell’intervento.

Sul lato destro del cervello, vengono impiantati un microfono e un’unità di elaborazione suono. Lo stimolo può fornire sensazioni uditive, anche se non consente di ripristinare il normale udito.

L’operazione è stata effettuata presso il Guy’s and St Thomas’ NHS Foundation Trust quando la bambina aveva due anni. Come riporta la Bbc, poco tempo dopo l’operazione, Leia ha cominciato a voltare la testa quando sentiva rumori attorno a sé.

All’operazione è seguito un percorso di terapia del linguaggio: ora la bambina può pronunciare frasi complete, canticchiare, sentire le voci attraverso un apparecchio telefonico.  E potrebbe migliorare ancora.

La lingua dei segni non è più il suo unico linguaggio.

> Il ragazzo sordomuto che ogni anno partecipa alla corsa dei tori di Pamplona, leggi la storia

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"