Gli avvocati di Salah Abdeslam rinunceranno alla sua difesa

"Abbiamo detto sin dall'inizio che se il nostro cliente fosse rimasto in silenzio avremmo rinunciato alla sua difesa", ha detto l'avvocato Sven Mary

Di TPI
Pubblicato il 12 Ott. 2016 alle 09:15 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 00:37
0
Immagine di copertina

Gli avvocati difensori di Salah Abdeslam, l’unico attentatore superstite degli attacchi di Parigi dello scorso anno, hanno annunciato che rinunceranno a difenderlo. 

Salah Abdeslam sta usando il suo diritto a rimanere in silenzio, ha riferito uno degli avvocati. “Abbiamo detto sin dall’inizio che se il nostro cliente fosse rimasto in silenzio avremmo rinunciato alla sua difesa”, ha detto l’avvocato Sven Mary. 

Salah Abdeslam è stato arrestato a Bruxelles il 18 marzo scorso e ha mantenuto il silenzio dopo il suo trasferimento in Francia nel mese di aprile. Attualmente si trova in cella di isolamento dove viene monitorato 24 ore al giorno.

Abdeslam è sospettato di aver giocato un ruolo chiave nella pianificazione degli attacchi di Parigi e di aver trasportato gli altri complici, ma gli investigatori devono ancora determinare il suo ruolo specifico.

Gli avvocati hanno informato Abdeslam che non sarebbe stato più rappresentato da loro lo scorso 6 ottobre. Al momento egli non vuole essere rappresentata da nessun altro.

La rappresentanza legale non è richiesta mentre sono ancora in corso le indagini, ma è necessaria in sede di processo.

“Le vere vittime di tutto questo sono le vittime degli attentati di Parigi, perché hanno diritto a questa verità e hanno il diritto di cercare di comprendere l’incomprensibile”, ha detto Sven Mary. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.