Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Autobomba contro le forze di sicurezza in Afghanistan

Immagine di copertina
Credit: Reuters

Un’autobomba è esplosa di fronte a una banca a Lashkar Gah, nel sud dell’Afghanistan, dove decine di membri delle forze di sicurezza si trovavano in fila per ricevere la loro paga, in vista della festività islamica di Eid al-Fitr che celebra la fine del mese di Ramadan e che avverrà tra domenica 25 e lunedì 26 giugno. L’attacco è avvenuto il 22 giugno presso la filiale della New Kabul Bank. Questo è stato il terzo attentato a questa banca dal 2014.

Il direttore dell’ospedale di Lashkar Gah, Haji Moladad Tobagar, ha dichiarato all’agenzia di stampa americana Associated Press che l’ospedale locale ha ricevuto 25 corpi dopo l’attacco e che i feriti ammontano almeno a 60 persone. 

Il governatore della regione, sempre secondo Associated Press, sostiene che le vittime sono per la maggior parte civili. In Afghanistan negli ultimi anni numerosi attentati sono stati compiuti sia dai talebani che dall’Isis.

“Questi attacchi terroristici brutali dimostrano quanto queste persone non rispettino alcuna fede o religione. Sono nemici dell’umanità”, così il presidente afghano Ashraf Ghani ha commentato l’attentato avvenuto a Lashkar Gah. Anche il vicino Pakistan ha condannato l’attacco. “Siamo vicini ai nostri fratelli afghani in quest’ora di dolore e di angoscia”, ha dichiarato il ministero degli Esteri pachistano.

“Almeno 34 persone sono state uccise e altre 58 ferite nel bombardamento di oggi”, ha dichiarato il governo provinciale. I talebani sostengono che il loro obiettivo erano i soldati afgani e la polizia. Ma la maggior parte delle vittime sono state civili, tra cui anche donne e bambini.

Le truppe statunitensi in Afghanistan ammontano a circa 8.400 unità, insieme ad altri 5.000 soldati alleati della NATO, molto meno dei più di centomila di sei anni fa. Le truppe alleate operano principalmente come formatori e consulenti militari.

A quasi 16 anni dall’invasione del paese guidata dagli Stati Uniti, il capo del Pentagono Jim Mattis ha riconosciuto che gli Stati Uniti stanno continuando a non vincere la guerra. Mattis ha affermato che nelle prossime settimane presenterà una nuova strategia militare per l’Afghanistan al presidente Donald Trump.

Il conflitto afgano è il più lungo della storia americana, con le forze armate impegnate in una guerra che dura da quando il regime dei talebani è stato abbattuto nel 2001.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi