Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Restiamo uniti: non lasciate che vincano i terroristi

Immagine di copertina

Il pensiero della giornalista italiana e musulmana Sabika Shah Povia dopo gli attentati terroristici che hanno colpito Bruxelles il 22 marzo 2016

Dopo gli attacchi del 22 marzo all’aeroporto e alla metropolitana di Bruxelles, è ricominciato il circo mediatico post-attentato perpetuato da terroristi che millantano di essere musulmani, e siamo di nuovo tutti sotto processo. A costo di essere ripetitiva, ve lo dico di nuovo.

Ve lo dico di nuovo, not in my name.

Ve lo dico di nuovo, l’Islam e il terrorismo sono due cose separate.

Ve lo dico di nuovo, non esiste il “noi” e il “voi”, ma solo il “noi”, umani, e il “loro”, terroristi.

Ve lo dico di nuovo, non è colpa mia o dei giovani musulmani europei come me. Se la colpa è di qualcuno, è di tutti noi. La società che ha permesso la creazione di ghetti, il mancato processo di integrazione, i politici e giornalisti sciacalli che strumentalizzano le nostre tragedie per dividerci.

Ve lo dico di nuovo, restiamo uniti.

Ve lo dico di nuovo, anch’io ho paura.

Ve lo dico di nuovo, gli assassini non hanno religione.

Ve lo dico di nuovo, il nemico non viene da fuori, è già dentro l’Europa.

Ve lo dico di nuovo, i rifugiati che bussano alle nostre porte stanno fuggendo proprio da questi terroristi. Fuggono da paesi in cui attentati come quelli di ieri a Bruxelles sono all’ordine del giorno.

Ve lo dico di nuovo, mi dissocio dal terrorismo del sedicente Stato Islamico.

Ve lo dico di nuovo, perché c’è chi continua a chiedermi di farlo.

Ve lo dico di nuovo, perché so che avete bisogno di sentirmelo dire.

Ve lo dico di nuovo, ma questa volta, vi prego, ricordatevelo.

LEGGI ANCHE Parigi era una trappola: non ci cascate

Ti potrebbe interessare
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”
Esteri / "Ha una protesi": il video che alimenta nuovi dubbi sullo stato di salute di Vladimir Putin
Esteri / Strage in Texas, il momento in cui il killer entra nella scuola elementare | VIDEO
Esteri / Stati Uniti, 18enne apre il fuoco in una scuola elementare: morte 22 persone, tra cui 19 bambini
Esteri / Lo sfogo della rifugiata ucraina scappata con l’uomo che l’aveva accolta: “Non sono una sfasciafamiglie”
Esteri / Guerra in Ucraina, forze russe avanzano a est: “Sfondate difese ucraine nel Luhansk”. USA, stop all'esenzione: più vicino il default russo
Esteri / La direttrice di Russia Today: “O la Russia vince in Ucraina o le cose andranno male per tutta l’umanità”
Esteri / Russia, Medvedev stronca il piano italiano per la pace in Ucraina: “Basato su menzogne”