Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Restiamo uniti: non lasciate che vincano i terroristi

Immagine di copertina

Il pensiero della giornalista italiana e musulmana Sabika Shah Povia dopo gli attentati terroristici che hanno colpito Bruxelles il 22 marzo 2016

Dopo gli attacchi del 22 marzo all’aeroporto e alla metropolitana di Bruxelles, è ricominciato il circo mediatico post-attentato perpetuato da terroristi che millantano di essere musulmani, e siamo di nuovo tutti sotto processo. A costo di essere ripetitiva, ve lo dico di nuovo.

Ve lo dico di nuovo, not in my name.

Ve lo dico di nuovo, l’Islam e il terrorismo sono due cose separate.

Ve lo dico di nuovo, non esiste il “noi” e il “voi”, ma solo il “noi”, umani, e il “loro”, terroristi.

Ve lo dico di nuovo, non è colpa mia o dei giovani musulmani europei come me. Se la colpa è di qualcuno, è di tutti noi. La società che ha permesso la creazione di ghetti, il mancato processo di integrazione, i politici e giornalisti sciacalli che strumentalizzano le nostre tragedie per dividerci.

Ve lo dico di nuovo, restiamo uniti.

Ve lo dico di nuovo, anch’io ho paura.

Ve lo dico di nuovo, gli assassini non hanno religione.

Ve lo dico di nuovo, il nemico non viene da fuori, è già dentro l’Europa.

Ve lo dico di nuovo, i rifugiati che bussano alle nostre porte stanno fuggendo proprio da questi terroristi. Fuggono da paesi in cui attentati come quelli di ieri a Bruxelles sono all’ordine del giorno.

Ve lo dico di nuovo, mi dissocio dal terrorismo del sedicente Stato Islamico.

Ve lo dico di nuovo, perché c’è chi continua a chiedermi di farlo.

Ve lo dico di nuovo, perché so che avete bisogno di sentirmelo dire.

Ve lo dico di nuovo, ma questa volta, vi prego, ricordatevelo.

LEGGI ANCHE Parigi era una trappola: non ci cascate

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scrittore Salman Rushdie è stato accoltellato a New York
Esteri / Formentera, incendio distrugge il superyacht da 25 milioni di euro a pochi metri dalla spiaggia | VIDEO
Esteri / Troppe cause per rischio tumori: dal 2023 Johnson & Johnson non venderà più borotalco
Esteri / Costa Azzurra, ombrelloni e lettini soltanto ai bianchi. Stabilimenti accusati di razzismo
Esteri / Usa, l’attrice Anne Heche è cerebralmente morta, la famiglia: “Staccheremo la spina e doneremo gli organi”
Esteri / Rinasce Notre-Dame: ecco come sarà la cattedrale di Parigi dopo la ricostruzione | VIDEO
Esteri / Onu: L’esercito israeliano ha ucciso 19 bambini palestinesi in meno di una settimana
Esteri / Usa, a casa di Trump l’Fbi cercava documenti su armi nucleari: la rivelazione del Washington Post
Esteri / Nuovo attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia: scambio di accuse tra Kiev e Mosca
Esteri / Giallo a New York: due italiani trovati morti in un albergo