Covid ultime 24h
casi +16.377
deceduti +672
tamponi +130.524
terapie intensive -9

Un attacco contro un santuario sciita a Kabul ha provocato 18 vittime

L'operazione è stata condotta da un uomo armato e l'Isis ha rivendicato l'attacco

Di TPI
Pubblicato il 11 Ott. 2016 alle 20:11 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:48
0
Immagine di copertina

Un attacco nel santuario sciita Sakhi, alla periferia occidentale di Kabul, ha provocato la morte di 18 persone martedì 11 ottobre, secondo quanto dichiarato dal portavoce del ministro dell’Interno afghano Sediq Sediqqi.

Altre 50 persone sono rimaste ferite. L’attacco è stato in seguito rivendicato dal sedicente Stato islamico.

L’attentatore, che indossava un’uniforme della polizia è entrato nel santuario e ha aperto il fuoco sui fedeli prima di essere ucciso dalle forze dell’ordine.

Gli sciiti si erano riuniti nel santuario Sakhi, il più grande della capitale, nell’ambito delle commemorazioni per il mese sacro di Muhharam, un periodo di lutto per ricordare la morte del nipote del profeta Maometto.

Gli sciiti costituiscono circa 15 per cento della popolazione afghana, composta da circa 30 milioni di persone. La maggior parte degli sciiti afghani sono di etnia hazara.

I fondamentalisti sunniti come i talebani e i membri del sedicente Stato islamico vedono il gruppo sciita come eretico e spesso attaccano le moschee e i luoghi di incontri pubblici dove si riuniscono gli sciiti.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.