Coronavirus:
positivi 55.300
deceduti 32.877
guariti 141.981

L’attacco in Pakistan della domenica di Pasqua

Il Pakistan ha proclamato tre giorni di lutto per la morte di 72 persone, tra cui 29 bambini, a Lahore, dove un attentatore suicida si è fatto esplodere in un parco

Di TPI
Pubblicato il 28 Mar. 2016 alle 12:01 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 16:51
0
Immagine di copertina

Il Pakistan ha proclamato tre giorni di lutto per la morte di almeno 72 persone, tra cui 29 bambini, a Lahore, dove un attentatore suicida talebano si è fatto esplodere in un parco pubblico. 

Il gruppo talebano Jamaat-ul-Ahrar ha fatto sapere che l’obiettivo dell’attacco erano i cristiani che ieri celebravano la Pasqua. Anche numerosi musulmani sono morti nell’attacco. L’esercito pakistano sta dando la caccia ai militanti talebani del gruppo. 

Almeno 300 persone sono rimaste ferite, e il bilancio è destinato a salire. Il parco era più affollato del solito, essendo la domenica di Pasqua. 

Il primo ministro Nawaz Sharif ha visitato alcuni dei feriti in ospedale e ha incontrato i funzionari di sicurezza per pianificare una risposta. L’esplosione ha colpito il cancello principale del parco Gulshan-e-Iqbal in prima serata, a breve distanza dal parco giochi per bambini.

L’attacco suicida del parco Gulshan-e-Iqbal di Lahore è stato il più sanguinoso attentato contro i cristiani del Pakistan dal 2013, quando a Peshawar vennero uccise più di 80 persone in una chiesa. 

Molti credono che dietro l’attacco ci siano anche altri motivi: il 27 marzo era il termine fissato da un’alleanza di più di 30 gruppi religiosi per far sì che il governo provinciale del Punjab ritirasse una nuova legge sui diritti delle donne a cui i religiosi si oppongono.

Il governo del Punjab, di cui Lahore è la capitale, ha dichiarato lo stato di emergenza nella città e tre giorni di lutto. Le scuole e mercati della provincia sono stati chiusi. Lahore è una delle città più liberali e ricche del Pakistan. 

Un portavoce di Jamaat-ul-Ahrar, Ehsanullah Ehsan, ha detto che il gruppo ha voluto inviare un messaggio al primo ministro Nawaz Sharif dicendo che i talebani “sono entrati Lahore” e ha minacciato ulteriori attacchi.

Jamaat-ul-Ahrar ha svolto diversi altri attacchi contro i civili e le forze di sicurezza pakistane negli ultimi mesi. 

I cristiani in Pakistan rappresentano circa l’1,6 per cento della popolazione e sono la seconda più grande minoranza in Pakistan dopo gli indù. 

La maggior parte di loro si trova a Karachi, ma anche nel Punjab, nella città di Lahore e Faisalabad, e nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa in particolare nella città di Peshawar.

Molti cristiani pakistani sono i discendenti di una bassa casta indù che si era convertita al cristianesimo sotto il Raj britannico. 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.