Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’assassino di Jo Cox era un sostenitore dei neonazisti

Immagine di copertina

La deputata laburista in passato aveva denunciato di aver ricevuto minacce e un uomo era stato arrestato dalla polizia, ma non si tratta della stessa persona

Thomas Mair, l’uomo indicato dalla polizia come il killer della deputata laburista Jo Cox, uccisa giovedì 16 giugno al grido di “Britain first” – Prima la Gran Bretagna – era un sostenitore di Alleanza Nazionale, la più importante organizzazione neonazista degli Stati Uniti.

Secondo il Southern Poverty Law Centre, un’ong a difesa dei diritti umani, Mair avrebbe donato più di 500 euro all’associazione di estrema destra che propaganda la creazione di una nazione popolata interamente da bianchi e l’eliminazione del popolo ebraico.

L’uomo in passato avrebbe comprato un manuale dell’associazione filonazista per costruire una pistola e altri libri con istruzioni “sulla chimica degli esplosivi” e degli ordigni “incendiari”.

Il Daily Telegraph, inoltre, ha scritto che Thomas Mair era un abbonato a S.A. Patriot, una rivista sudafricana, pubblicata dal club ‘Rinoceronti bianchi’, un gruppo pro-apartheid. La linea editoriale della rivista si oppone “alle società multiculturali” e “all’Islam espansionista”.

Ma il ritratto che emerge dalle ricostruzioni dei quotidiani di Thomas Mair è più quello di uno squilibrato che di un fanatico: “Ha una storia clinica di malattia mentale ma era stato aiutato e curato”, ha detto il fratello Scott al Guardian.

Mair era un solitario e viveva da quarant’anni appartato nella stessa casa, aiutando i vicini a innaffiare i giardini. L’unica foto diffusa dai media lo ritrae con una tuta mimetica e un cappello da baseball in testa.

Inoltre Scotland Yard ha fatto sapere che la deputata laburista aveva denunciato alla polizia di avere ricevuto minacce. Un uomo era stato arrestato a marzo, ma non si trattava di Mair.

L’impatto dell’omicidio sul referendum del 23 giugno sull’uscita della Gran Bretagna è stati immediato. La piattaforma Vote Leave, a favore della Brexit e al cui interno erano state già denunciate infiltrazioni d’estrema destra, è stata la prima a sospendere la campagna, per decisione dell’ex sindaco di Londra Boris Johnson, fermissimo nella condanna dell’omicidio, seguita poche ore dopo dagli avversari di Remain.

Negli ultimi giorni i sondaggi diffusi davano la campagna a favore della Brexit in vantaggio di sei punti su coloro che vogliono restare all’interno dell’Unione europea.

(Una foto di Thomas Mair, l’uomo sospettato di aver ucciso la deputata britannica Jo Cox)


Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane