Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:00
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Arrestate 14 persone per i roghi in Israele

Immagine di copertina

Gli incendi divampati ieri sono sotto controllo, almeno sei delle persone fermate sono palestinesi secondo l'emittente radiofonica delle Forze di difesa israeliane

In Israele la situazione sta tornando alla normalità, dopo un giovedì letteralmente di fuoco che ha sconvolto il paese e costretto più di 60mila persone a essere evacuate solo nell’area di Haifa.

S&D

La maggioranza dei residenti sta già facendo ritorno alle proprie case. Centinaia d’incendi, che hanno colpito le colline di Gerusalemme, una vasta area del nord Israele e alcune zone vicine a Tel Aviv, sono stati spenti e sono attualmente sotto controllo, mentre i pompieri continuano a lottare per prevenire ogni possibile nuovo rogo.

Mentre ieri aleggiava l’ipotesi che tutti questi incendi fossero dolosi, tanto che alcuni media avevano azzardato anche la parola “terrorismo del fuoco”, oggi la situazione appare leggermente diversa, ma non per questo meno preoccupante.

Quattordici persone sono state arrestate, secondo quanto dichiarato dal ministro della sicurezza interna Gilad Erdan, mentre alcuni ufficiali hanno indicato che la metà dei fuochi può essere certamente definita di natura dolosa. Nonostante ciò, non esistono ancora prove definitive. Non c’è quindi la certezza che i vari roghi siano stati una campagna terroristica di incendi dolosi contro Israele.

Eppure lo stesso primo ministro Benjamin Netanyahu, nella mattina del 25 novembre, ha dichiarato che non ci sono dubbi che gli incendi siano stati opera di un gruppo di piromani e per questo le autorità puniranno chiunque venga scoperto ad appiccare un fuoco nella maniera più dura possibile.

Netanyahu ha definito i responsabili “terroristi” e ha detto che sarà loro revocata la cittadinanza israeliana. “C’è un prezzo per il crimine e un prezzo per il terrorismo e l’istigazione al terrorismo e li faremo pagare,” ha precisato il premier.

L’emittente radiofonica delle forze di difesa israeliane Army Radio ha comunicato che sei degli arrestati sarebbero palestinesi residenti illegalmente in Israele.

“Gli investigatori stanno lavorano con la massima priorità, poiché stiamo parlando di terrorismo e che potrebbero essere coinvolti decine di migliaia di sospetti,” ha dichiarato il ministro Erdan.

Arrestate anche alcune persone che nella giornata di ieri avevano celebrato i roghi e invitato i piromani ad appiccarne altri. Ieri, su Twitter, l’hashtag Israelisburning (Israele sta bruciando) era diventato uno dei top trend a livello mondiale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini