Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Armenia e Azerbaijan si impegnano per la pace in Nagorno-Karabakh

Immagine di copertina

Cresce l’ottimismo dopo l’incontro del Gruppo di Minsk a Vienna, che si è riunito per la prima volta dopo il riaccendersi delle tensioni del mese scorso

Il presidente armeno Serzh Sargsyan e quello azero Illham Aliyev hanno concordato sulla necessità di trovare un accordo per la risoluzione
pacifica del conflitto del Nagorno-Karabakh.

Il Nagorno-Karabakh è ufficialmente un’enclave a maggioranza
etnica armena in territorio azero. Dopo l’implosione dell’Unione Sovietica, la
regione è stata contesa da Armenia e Azerbaijan in una guerra che ha
consolidato la nascita di una repubblica de
facto
indipendente governata dai separatisti armeni e non riconosciuta
dalla comunità internazionale. Il conflitto rimane irrisolto dopo la tregua
del 1994.

I due capi di stato si sono incontrati ieri 16 maggio a
Vienna, in occasione del vertice multilaterale dei ministri degli Esteri su
Siria e Libia.

Il “Gruppo di Minsk” – creato dall’Osce nel 1992 proprio per
risolvere la disputa fra i due paesi caucasici e presieduto congiuntamente da
Stati Uniti, Russia e Francia – si è riunito per la prima volta dopo il
riaccendersi delle tensioni del mese scorso, quando l’esercito azero e i
separatisti armeni hanno ripreso le ostilità, causando più di trenta vittime e
centinaia di feriti.

Entrambe le parti si accusano di aver provocato la recente
escalation bellica. Mentre l’Armenia sottolinea la necessità di proteggere la
popolazione locale e minaccia il riconoscimento unilaterale della de facto repubblica indipendente,
l’Azerbaijan fa appello a Onu, Unione europea e Nato affinché Yerevan liberi
tutti i territori occupati e garantisca la sua integrità territoriale.

Nonostante le tensioni, Armenia e Azerbaijan si sono
impegnate a portare avanti i negoziati a giugno e, nel frattempo, a vigilare
sulla nuova fragile tregua, rafforzandola.

Alla fine del vertice, l’Osce ha rilasciato un comunicato
sulle posizioni dei co-presidenti del Gruppo di Minsk i quali hanno ribadito
che non ci può essere una soluzione militare al conflitto. I co-presidenti
hanno insistito sull’importanza di rispettare gli accordi del 1994.

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov si è detto
ottimista, dichiarando che c’è margine per un compromesso e per la piena
risoluzione del conflitto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Esteri / Papa Francesco a Putin: “Fermati, ti supplico. Fallo per amore del tuo popolo”
Esteri / Ucraina, strage di civili a Kharkiv: morti 13 bambini mentre tentavano la fuga con le famiglie
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Esteri / Papa Francesco a Putin: “Fermati, ti supplico. Fallo per amore del tuo popolo”
Esteri / Ucraina, strage di civili a Kharkiv: morti 13 bambini mentre tentavano la fuga con le famiglie
Esteri / Indonesia, scontri dopo una partita di calcio: almeno 180 morti
Esteri / Donbass, schiaffo di Kiev a un giorno dall’annessione: Mosca ammette il ritiro da Lyman
Esteri / Nord Stream: “Esplosi 500 chili di tritolo. Bombe piazzate da robot di manutenzione”
Esteri / Russia, il rapper Walkie si toglie la vita per non andare in guerra
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa
Cronaca / Putin annette le regioni ucraine: “Saranno russe per sempre. Ora disposti a negoziare”
Esteri / Ucraina, sale la tensione a Zaporizhzhia: missili su un convoglio umanitario, 25 morti