Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’app che ti insegna una nuova lingua mentre perdi tempo

Immagine di copertina

WaitSuite è una serie di applicazioni che permette di ampliare il vocabolario linguistico sfruttando le brevi attese che caratterizzano la vita di tutti i giorni

WaitSuite è una serie di applicazioni creata dai ricercatori del Mit Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL), negli Stati Uniti, che permette di sfruttare quei pochi secondi che generalmente si perdono durante alcune azioni giornaliere, offrendo l’opportunità di imparare una nuova lingua.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Per impiegare meglio il proprio tempo, le nuove app potranno essere utilizzate nel corso di cinque attività giornaliere che richiedono delle brevi attese: la connessione internet Wi-Fi, mandare e ricevere e-mail, aspettare un messaggio, prendere un ascensore o attendere la fine di un download sul proprio smartphone.

“WaitSuite è incorporata direttamente nelle tue attività. In questo modo puoi facilmente imparare senza lasciare quello che stavi già facendo” ha spiegato in un comunicato stampa Carrie Cai, dottore di ricerca del Mit e leader del progetto.

I programmatori del software chiamano il loro metodo wait-learning, “imparare aspettando”.

Le app propongono alcune schede didattiche nello schermo in cui vi trovate in quel momento, richiedendo di compilare la risposta corretta per ridurre al minimo la schermata oppure di premere un pulsante per rivelare l’equivalente inglese della parola visualizzata.

L’applicazione principale, chiamata WaitChatter, ha mostrato che gli utenti sono riusciti a imparare circa quattro parole al giorno, con una media di cinquantasette nuovi termini nel corso del periodo di prova di due settimane.

Le applicazioni non sono ancora in grado di insegnare a parlare una nuova lingua, ma possono affinare il vocabolario dell’utente.

Il dottor Cai ha inoltre affermato che in futuro la squadra spera di sperimentare altri tipi di abilità conoscitive, tra cui la matematica ma anche termini medici, definizioni legali, includendo anche segnali audio.

Ecco il video che mostra come funzionano le applicazioni:

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan