Covid ultime 24h
casi +19.644
deceduti +151
tamponi +177.669
terapie intensive +79

Gli annunci dei proprietari di casa a Londra che chiedono intimo usato o sesso al posto dell’affitto

Annunci online mostrano che alcuni padroni di casa affittano camere gratis a cifre molto basse, talvolta persino in cambio di favori sessuali

Di TPI
Pubblicato il 10 Ott. 2016 alle 18:50 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:53
0
Immagine di copertina

I prezzi degli affitti alle stelle e le restrizioni al settore immobiliare di Londra hanno creato una spaventosa carenza di alloggi disponibili nella capitale britannica.

Un rapporto ufficiale dell’English Housing Survey, pubblicato nel 2015, evidenzia che gli inquilini di Londra spendono in media il 47 per cento del loro reddito netto per pagare l’affitto.

Tra agosto 2015 e agosto 2016 gli affitti a Londra sono aumentati in media del 2,6 per cento. In Inghilterra l’aumento medio è stato del 2,4 per cento e in Galles dello 0,1 per cento, mentre in Scozia gli affitti sono rimasti invariati, secondo l’Ufficio per le statistiche nazionali britannico.

Ma secondo quanto riportato il blog Londonist, c’è un più inquietante effetto collaterale dell’aumento degli affitti.

Alcuni annunci pubblicati sul sito Craigslist mostrano infatti casi di padroni di casa che arrivano ad offrire affitti gratis – o a cifre molto basse – in cambio di favori sessuali.

Un annuncio offre l’alloggio alla modica cifra di una sterlina al giorno per “una ragazza giovane di mentalità aperta che desideri esplorare perversione e sottomissione”.

Un altro propone una camera da letto doppia completamente arredata per una ragazza che in cambio svolga i lavori domestici e consegni agli inquilini la sua biancheria intima usata.

Gli annunci non sembrano vietare i termini di Craigslist sui contenuti vietati, ma secondo l’ente di beneficenza Shelter, che si occupa di persone senza fissa dimora, si tratta di “un tentativo pericoloso di stabilire relazioni di profondo sfruttamento a danno dei senzatetto”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.