Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Algeria: Bouteflika rinuncia a candidarsi e rinvia il voto

Immagine di copertina
Il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika. Credit: Ryad Kramdi/AFP

Bouteflika, gravemente ammalato, si era detto pronto a ricandidarsi per il quinto mandato

Dopo le numerose proteste che da settimane sconvolgono l’Algeria, il presidente Abdulaziz Bouteflika, ha deciso di non presentarsi alle elezioni e ha rinviato le urne previste inizialmente per il 18 aprile.

La notizia è stata data dall’agenzia di stampa ufficiale Aps, che cita una nota della presidenza algerina.

Bouteflika, gravemente ammalato, si era detto pronto a ricandidarsi per il quinto mandato, scatenando le proteste della popolazione.

L’11 marzo 2019 anche l’esercito aveva cambiato la propria posizione e appoggiato i manifestanti.

“L’esercito condivide le stesse aspirazioni e valori del popolo per una visione comune del futuro dell’Algeria”: aveva detto Ahmed Ghaid Salah, capo di Stato maggiore dell’Esercito algerino.

“L’Esercito nazionale è fiero di appartenere al popolo, ed insieme sapremo preservare la nazione. L’Algeria e l’esercito sono fortunati ad avere questo popolo, un popolo cosciente delle sfide che pone un mondo senza pietà”.

Contro la ricandidatura del presidente algerino si erano schierati anche più di mille magistrati, minacciando di non supervisionare le elezioni presidenziali previste per il  18 aprile se Bouteflika si fosse davvero candidato per un quinto mandato.

Chi è Bouteflika – In carica dal 1999, l’attuale presidente dell’Algeria è apparso raramente in pubblico da quando ha avuto un ictus nel 2013. Domenica 10 marzo ha fatto ritorno nel paese africano dopo aver trascorso due settimane nell’ospedale universitario di Ginevra, in Svizzera.

Secondo quanto rivelato dal quotidiano svizzero Tribune de Geneve, il presidente ha bisogno di cure costanti perché affetto da problemi neurologici, respiratori e anche da afasia, la perdita parziale del linguaggio.

Dal 22 febbraio, gli algerini manifestano nelle città di tutta l’Algeria per chiedere al capo dello Stato di rinunciare a un nuovo mandato.

Giovedì 14 marzo il Consiglio costituzionale dovrebbe rendere nota la lista dei candidati ammessi al voto di aprile, che è stato però rimandato dopo il passo indietro del presidente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Russia bandisce il Moscow Times: è una “organizzazione indesiderabile”
Esteri / Come sarebbe il mondo con un Trump bis
Esteri / Cosa rivelano sull’America le proteste alla Columbia University contro la guerra nella Striscia di Gaza
Esteri / Il precedente Eagleton: quando il senatore democratico rinunciò alla corsa alla vicepresidenza degli Usa
Esteri / Altri quattro anni? Cosa succederebbe se Joe Biden vincesse le elezioni presidenziali negli Stati Uniti
Esteri / Reportage TPI – Così il turismo si è mangiato il Costa Rica
Esteri / Iran: Usa condannati a pagare quasi 6,8 mld dlr per gli effetti delle sanzioni sui pazienti affetti da una malattia rara
Esteri / Orban incontra Trump: “Abbiamo discusso di pace: risolverà tutto lui” | VIDEO
Esteri / Nuova gaffe di Biden, al vertice Nato presenta Zelensky chiamandolo Putin
Esteri / Gaza: 32 morti in 70 raid dell'Idf. Media: "4 operatori umanitari stranieri uccisi in un raid a Rafah". Biden assicura: "Progressi verso un accordo di tregua". Media: "Passi avanti sulla riapertura del valico di Rafah". Ma l'ufficio di Netanyahu smentisce: “Nessun ritiro delle truppe dal confine". Hamas vuole una garanzia scritta che la guerra non riprenderà dopo la liberazione degli ostaggi. Il 19 luglio la Corte de L'Aja si pronuncerà sulle conseguenze giuridiche dell'occupazione dei Territori palestinesi